Tutti noi stiamo ormai facendo esperienza da circa un mese dello stare a casa forzato come misura indispensabile per contrastare l’avanzata della pandemia COVID-19. Un provvedimento che sta incidendo in maniera significativa su lavoro e rapporti sociali, ma che è indispensabile per tutelare la nostra e la altrui salute. Svolgere tutte le nostre attività quotidiane in questa nuova modalità può però risultare molto complesso, soprattutto per chi fino a ieri aveva uno stile di vita completamente diverso. Per questo motivo Apple ha deciso di consigliare ai propri utenti iOS tutta una serie di app “per fare tutto da casa”.

Gli esperti della Casa della Mela morsicata hanno dunque stilato un elenco di app, divise per categorie, che possano aiutarci, almeno in parte, a svolgere le attività lavorative e personali nell’ambito di questo nuovo stile di vita. Per trovarle vi basta recarvi nella sezione Oggi dell’App Store.

Qui troverete le seguenti categorie:

  • Impara qualcosa di nuovo: include app per imparare le lingue, per la formazione in generale come Coursera o Udemy, e libri interattivi per i più piccoli;
  • In contatto con amici e famiglia: raggruppa le applicazioni di messaggistica e videochiamata come Zoom, Messenger, Skype o FaceTime;
  • In contatto con colleghi: propone servizi per creare gruppi di lavoro o applicazioni di messaggistica per team, come Slack, Twist, Convo e altri;
  • Leggi le ultime notizie: include le app mobile dei principali siti di informazione come Repubblica, TGCOM 24, Il Sole 24 ORE e altri;
  • Ascolta le notizie: propone le applicazioni per ascoltare podcast;
  • Allenati a casa: app che aiutano l’utente a svolgere esercizi fisici a casa;
  • App per meditare: per concedersi un momento di meditazione con sé stessi;
  • Ascolta suoni rilassanti: per un momento di relax in un periodo di particolare tensione;
  • Ritrova la pace interiore: propone applicazioni principalmente di Yoga;
  • Dai spazio alle emozioni: dai diari alle note, ciò che serve per appuntare le proprie sensazioni e i propri pensieri;
  • La spesa diventa facile: app per gestire la spesa direttamente dallo smartphone, come Groupon e Amazon;
  • Scopri nuove ricette preferite: applicazioni per sbizzarrirsi in cucina come GialloZafferano.

Come potete vedere si tratta insomma di una raccolta ampia e a 360° che va a toccare tanti ambiti diversi, e che può proporre soluzioni utili, soprattutto a chi, fino a ieri, non era abituato a servirsi molto del Web come risorsa perché magari lavorava in ufficio o a contatto col pubblico, aveva il tempo per recarsi a fare la spesa etc.

Sono tante le iniziative che i vari colossi tecnologici stanno portando avanti per aiutare tutti gli utenti in un momento così particolare, sia offrendo consigli utili sia tentando di contrastare con i propri strumenti l’avanzata della disinformazione, come stanno facendo ad esempio Facebook, Twitter e Google sulle proprie piattaforme come WhatsApp, Instagram e YouTube. Fornire soluzioni pratiche a problemi piccoli ma concreti rappresenta un approccio diverso ma altrettanto valido, che potrà rendere più facile la vita a molti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Redmi Note 9S ufficiale: foto e caratteristiche del nuovo smartphone di fascia medio-alta

next
Articolo Successivo

Xiaomi Mi 9, smartphone da 6.39 pollici con fotocamera da 48 Mpixel in offerta su Amazon con sconto del 27%

next