Il cimitero di Piacenza rischia il collasso: il forno crematorio è in tilt, perché per via dell’epidemia in corso ogni giorno arrivano il doppio dei feretri che potrebbero essere normalmente cremati. Lo scrive il quotidiano Libertà: lavorando a pieno ritmo, si possono fare 12, 13 cremazioni al giorno al massimo. Adesso, dicono i responsabili, arrivano 20, 25 bare ogni giorno, che finiscono per essere accatastate nella ‘sala del congedo’ in attesa del forno crematorio. Adesso, scrive il giornale, ce ne sono almeno un centinaio. Alcune arrivano da Bergamo o Brescia, le città più colpite, che prima di Piacenza avevano già sperimentato la stessa difficoltà nei propri cimiteri.

“Se non ci verranno concesse deroghe che abbiamo richiesto si rischia il collasso – spiegano i responsabili della struttura – inizialmente abbiamo dato una mano a Bergamo e Brescia, ricevendo salme anche da lì, ma non potremo più farlo: temo, però, che anche limitandoci ai soli piacentini la situazione non migliorerà”. Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus infatti, i decessi a Piacenza sono già 314.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la dottoressa in reparto incoraggia pazienti e colleghi con il megafono: “L’Italia è con voi”. E fa partire l’Inno di Mameli

next