“Gli italiani non sono una categoria sindacale e quindi ci sono italiani meravigliosi e dei grandissimi coglioni“. Lo psichiatra Paolo Crepet ospite ad ‘Accordi&Disaccordi’, il talk show politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi in onde su Nove tutti i venerdì alle 22.45, ha spiegato come vede i comportamenti degli italiani in questo periodo di emergenza per il Coronavirus. “Gli eroi oggi stanno intubando una persona di 40 anni sperando di salvarlo: chapeau – ha detto lo psichiatra torinese – Poi ci sono dei grandissimi coglioni che, invece, vanno al mare, pensano che tutto questo sia una pagliacciata, che scorrazzano, fanno festicciole“. Inoltre Crepet ricorda che fino a poco tempo fa il dibattito era occupato dalle rivendicazioni dei No vax: “Fino all’altro giorno avevamo i No vax. Vi rendete conto? Vorrei che oggi venisse intervistato il loro capo per sentire se il vaccino contro il Coronavirus lo farebbe o no”.

“Accordi&Disaccordi” è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9. Segui @aedtalkshow su Facebook, Twitter e Instagram.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accordi&Disaccordi (Nove), Farinetti: “L’invito di Matteo Salvini a comprare italiano? Stupidaggine, lo facciamo già”

next
Articolo Successivo

Accordi&Disaccordi (Nove), Travaglio: “Non ho nulla contro la clinica se la paga solo il privato, ma depredare sanità pubblica è inaccettabile”

next