La pandemia da coronavirus che sta flagellando il mondo e l’Italia ha il pregio di mettere a nudo talune fondamentali storture di un sistema, quello capitalistico-liberista, che secondo me va abolito al più presto per garantire all’umanità un futuro.

Alcuni esempi.

In primo luogo va denunciato come la creazione di focolai e la diffusione dei virus siano legati alla distruzione degli habitat naturali attuata in tutti questi anni dal capitalismo predatorio. Un interessante articolo di Sonia Shah su Le Monde diplomatique ci informa, fra l’altro, che il lavoro del programma statunitense Predict ha consentito di individuare “più di 900 virus legati all’estensione dell’impronta umana sul pianeta, compresi ceppi di coronavirus precedentemente sconosciuti paragonabili alla Sars”. Ovviamente il programma in questione è stato abolito da Trump che ha pure chiuso, secondo la denuncia proveniente da MoveOn, l’ufficio competente alle risposte contro le pandemie.

Viene inoltre in evidenza la follia del sistema economico basato sul liberismo, responsabile fra l’altro della devastazione dei sistemi sanitari in Italia e nel resto del mondo. La denuncia del presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici, Giovanni Leoni, pare estremamente chiara quando informa che gli investimenti per la salute e i posti-letto nel nostro Paese sono del tutto insufficienti.

Ciò si deve alle demenziali politiche neoliberiste seguite dagli amministratori a tutti i livelli, dal governo nazionale a quelli regionali a quelli locali. Il vangelo neoliberista del contenimento della spesa pubblica e delle privatizzazioni ha indebolito il sistema immunitario del nostro Paese come di altri.

E qui occorre fare i conti con le altrettanto demenziali politiche europee, ben impersonate di questi tempi da un personaggio apocalittico come Christine Lagarde. L’Europa è nelle mani di irresponsabili legati a filo doppio alle lobby finanziarie. Ecco perché, come messo in queste ore in evidenza dall’economista Vasapollo e dal filosofo Cacciari, il virus rappresenterà probabilmente la pietra tombale definitiva su queste istituzioni europee, da sostituire con altre ispirate a una logica totalmente differente, fermo restando che l’esigenza di coordinare le scelte e integrare gli sforzi continuerà a porsi con sempre maggiore forza, a livello europeo.

Del resto occorre notare come già oggi determinati articoli del Trattato sul funzionamento dell’Unione (122, 168, 222 ed altri) prevedano azioni comuni e assistenza agli Stati colpiti ma vengano applicati in modo palesemente insufficiente. Anche sul piano dei rapporti internazionali occorre procedere a un riorientamento dell’Italia e dell’Unione europea nel suo complesso, tenendo conto dell’enorme peso che sta acquistando la Repubblica popolare cinese, ben evidenziato da Massimo Cacciari.

Un altro elemento di debolezza dell’attuale sistema, che va superato, è poi costituito dalla fragilità dei diritti dei lavoratori, oggi vittima non solo del contagio ma anche delle pretese vessatorie di padroni e capetti. Come denunciato dallo stesso sindaco di Bergamo, la protervia padronale nel tenere aperte le fabbriche, anche non produttrici di beni di prima necessità, ha contribuito in modo decisivo ad estendere l’epidemia.

Oggi assistiamo a richieste abusive di prendere ferie e congedi straordinari fatte in modo ricattatorio ai lavoratori e alle lavoratrici specialmente delle piccole aziende che operano nei settori del commercio, del turismo e dei servizi. Per non parlare di casi-limite come quello di Zetema, azienda privata che amministra il patrimonio culturale romano, dove, come denunciato dal Fatto, i lavoratori sono costretti a recarsi in ufficio nonostante si tratti di prestazioni che potrebbero essere erogate anche da casa e che comunque sono fortemente ridotte a causa dell’epidemia.

Purtroppo in tutti questi casi anche i sindacati evidenziano i loro limiti dovuti all’abitudine di cogestire il sistema troppo spesso in connivenza con le esigenze e richieste padronali. E’ invece necessaria una ripresa di protagonismo dal basso da parte dei lavoratori che hanno tutto il dovere di rifiutarsi di continuare a svolgere mansioni di carattere non essenziale o, anche nel caso di servizi o produzioni di interesse fondamentale, senza le necessarie misure di sicurezza. E vanno lodati ed estesi i momenti di denuncia delle prevaricazioni dei diritti dei lavoratori e dei veri e propri attentati alla salute pubblica che possono conseguirla, come il telefono rosso approntato da Potere al Popolo.

Devastazione ambientale, devastazione del sistema sanitario, compressione dei diritti dei lavoratori. Sono solo alcuni esempi, ed altri potrebbero essere fatti, che rivelano quanto patogeno sia l’attuale sistema. E’ giunto quindi il momento di abolirlo, tenendo conto anche del fatto che, una volta domata, come ci auguriamo, l’epidemia, l’esigenza di superare i vincoli e le storture indotte dal sistema capitalistico ad orientamento neoliberista, specie nella sua versione europea, si porrà con ancora maggiore nettezza. E che potremo tornare a circolare nelle strade e nelle piazze.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, un’altra recessione è in arrivo. E come sempre a guadagnarci saranno gli sciacalli

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la finanza specula sulle tragedie: adesso basta coi finti buonismi

next