Mai come oggi quella che siamo soliti chiamare Europa o Comunità Europea appare inesistente. Né si può chiamarla comunità né tantomeno europea. Qui a Berlino hanno chiuso scuole, pub, club e musei. Tutto il resto aperto (ristoranti, ritrovi, feste ecc…) senza la minima precauzione né distanziamento. Mascherine non se ne vedono e tutti ridono e scherzano con le stesse battutone che avevamo noi in Italia due settimane fa. Sottocasa incredulo vedo la gelateria aperta: entro e guardando i gusti, si, trovo proprio “Corona”. La gelataia mi fa un bel sorriso. E io penso: ma a quanti anni luce dista Berlino da Milano?

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, “7mila morti nel mondo”. L’Ue propone la chiusura dei confini esterni. Trump: “La situazione non è sotto controllo”. Merkel annuncia la chiusura di tutti i luoghi di ritrovo

next
Articolo Successivo

Grecia, scoppia un incendio nel campo profughi di Moria: le immagini dall’isola di Lesbo

next