Il silenzio è interrotto dal suono acuto delle sirene. Per le strade, a parte qualche bus e un’auto isolata, sfrecciano le ambulanze. Ma non solo: a passo più lento, si infilano nelle vie i carri funebri. La città di Bergamo, ogni giorno, registra il suo bollettino di guerra: 53 vittime mercoledì, poi 61, ieri 50. “I decessi sono quintuplicati, c’è una sepoltura ogni mezz’ora“. A parlare è l’assessore all’Innovazione e ai Servizi cimiteriali, Giacomo Angeloni. Risponde al telefono, ma dopo pochi minuti si deve interrompere: “Ho un’altra chiamata urgente”. È in contatto costante con gli uffici del Comune. “I dipendenti sono stremati. Stanno facendo un enorme sforzo per assicurare la continuità dei servizi ai cittadini”.

La provincia di Bergamo è la più colpita dal coronavirus. Ieri i contagi avevano raggiunto quota 2.368, con un +232 sul giorno precedente. Ma sono numeri che ormai non vengono più considerati. Perché l’attenzione è puntata sulla tenuta del sistema sanitario, con gli ospedali al limite, e sui decessi. “Oggi il virus è talmente diffuso che quei numeri risultano poco verosimili. La motivazione è che i tamponi sono pochi. Bisogna concentrarsi su altro”. Carmelo Bertocchi è il sindaco di Alzano Lombardo, il comune della Valle Seriana che per giorni ha vissuto l’evitabile balletto della “zona rossa” prima che tutta Italia diventasse zona arancione. Fino a ieri, 45 morti. Stamattina altri cinque.

Quindici chilometri più a nord, a Cene, è morto il primo sindaco risultato positivo al virus: Giorgio Valoti, 70 anni. Tra i due comuni, esattamente a metà, c’è Nembro, l’altra cittadina insieme ad Alzano appartenente al focolaio del Bergamasco. Claudio Cancelli, il primo cittadino, è positivo da due settimane. “Ci sono molti anziani a casa con difficoltà respiratorie – racconta Bertocchi – Non vengono ricoverati perché gli ospedali sono pieni, così i nostri dieci medici di base li curano a casa. Ci stiamo occupando di recuperare ossigeno e i dispositivi sanitari”. Come nel capoluogo, anche ad Alzano non si sa più dove mettere i feretri: “Abbiamo riconvertito alcune chiese all’interno del cimitero per allocare le salme e il forno è ultra congestionato”. Le aziende, di cui la valle è ricca, procedono in ordine sparso: la Polini ha chiuso lunedì (come gli stabilimenti della Brembo di Stezzano, Curno e Mapello) mentre la maggior parte manda avanti la produzione. Punto, questo, su cui è tornato a esprimersi il sindaco del capoluogo, Giorgio Gori, chiedendo al governo lo stop delle industrie.

La chiesa di Ognissanti, a Bergamo, è diventata una gigantesca camera mortuaria. Da tre giorni, chi muore negli ospedali della città viene portato lì. “C’è un via vai di salme impressionante”, ammette, con sconforto, Angeloni. Indicative, in tal senso, le pagine di necrologi quintuplicate in una settimana e che occupano i quotidiani locali (su L’Eco di Bergamo di oggi ci sono 11 pagine). “Se i numeri restano questi, dobbiamo chiedere aiuto. Il forno crematorio lavora 24 ore al giorno, così abbiamo comunicato ai servizi di pompe funebri di andare fuori provincia o addirittura fuori Regione”. L’ultimo decesso a fare notizia è quello di un operatore del 118, in servizio alla centrale operativa dell’ospedale Papa Giovanni XXIII. Era stato contagiato dal Covid-19, aveva 47 anni. La centrale (Soreu) era stata chiusa e sanificata qualche giorno prima proprio perché altri suoi colleghi avevano accusato sintomi ed erano stati mandati a casa.

Twitter: @albmarzocchi

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il videomessaggio delle suore di Castano Primo fa il giro del web: “Andrà tutto bene. La messa? C’è, collegatevi su Facebook”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 7mila denunce per la violazione delle restrizioni: da chi si intrattiene con le prostitute al parroco che celebra il funerale

next