Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Alessandro Politi

Sono un medico di Medicina Generale a Milano, uno di quelli in primissima linea, mandati allo sbaraglio come i fanti della Prima Grande Guerra, senza i Dpi (Dispositivi di Protezione Individuale), con notizie contrastanti ma più spesso assenti da chi dovrebbe informarci, lasciati al nostro destino.

Siamo già più di 150 (dato del 9 marzo) in isolamento in quanto positivi al Coronavirus, questo perché nessuno ci ha fornito dei mezzi di protezione adeguata, e solo i più previdenti e fortunati, come il sottoscritto, sono riusciti ad acquistare mascherine a norma, modello FFP2 o FFP3, prima che andassero esaurite, guanti chirurgici monouso, disinfettanti spray e gel per sanificare la strumentazione e le sale di visita e di attesa.

Però la situazione è drammatica: finalmente anche quelli che mi prendevano in giro perché indossavo maschera e guanti (“ma dottore, guardi che carnevale è già finito…”) sono diventati improvvisamente più responsabili, più coscienti, più civili! Ho già quattro casi certi positivi al tampone, tre in isolamento domiciliare e uno ricoverato in terapia intensiva in condizioni gravi, più tutta una serie di casi “limite”, ovvero pauci-sintomatici ma che comunque ho “blindato” al proprio domicilio con mille raccomandazioni e tele-videoconsulti quotidiani…

Ho solo una speranza, che quando tutto sarà passato ci si renda conto che andare avanti così come abbiamo fatto fino ad oggi non è più possibile in questi tempi di globalizzazione estrema; che i tagli alla Sanità, con la chiusura di numerosi presidi sanitari e ospedalieri locali, il taglio del personale, la mancanza di programmazione per me inconcepibile (come si fa a non fare un banale “conto della serva” basandosi sulla data di nascita di tutti noi medici…), tutte queste misure prese per riversare fondi su altre iniziative aleatorie e propagandistiche sono stati degli errori inconcepibili e irripetibili, fatti da persone che non hanno saputo/voluto tenere in conto quello che più conta in assoluto, ovvero la salute!

Perché come diceva il mio povero babbo, che ha fatto la Seconda Guerra Mondiale in Africa, e poi prigioniero degli inglesi in un campo di concentramento in Sudafrica per 5 anni, “ricordati che quando c’è la salute, c’è tutto”!

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, Robert Gallo: “Mappamondo alla mano diffusione è da Est a Ovest. Non scontata diffusione sostenuta al Sud”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’oncologo: “Subito protocollo nazionale per usare Tocilizumab. È efficace contro la polmonite da Covid 19”

next