L’Italia si ferma davanti alla tv, restano a casa i cittadini come dimostrano gli ascolti rilasciati dall’auditel: dalle 20.30 alle 23 del 9 marzo sono stati 29,2 milioni i telespettatori. Numeri favoriti inevitabilmente dalla conferenza stampa, per molti aspetti storica, del premier Giuseppe Conte e dalla messa in onda su Rai1 delle serie evento Il Commissario Montalbano. Il presidente del Consiglio dalle 21.30, per circa venti minuti, ha annunciato le nuove misure restrittive dopo l’emergenza Coronavirus, in quel momento a seguire le sue dichiarazioni 22 milioni di telespettatori con oltre il 70% di share.

Conte in onda quasi a reti unificate con le edizioni straordinarie del Tg1, del Tg5 e del TgLa7. Su Rai2 spazio al Tg2 Post mentre Rete 4 si è affidata a Barbara Palombelli e Stasera Italia dopo la cancellazione di Quarta Repubblica, non in onda perché il conduttore Nicola Porro è risultato positivo al Covid-19. Solo Rai1 ha informato 10.780.000 spettatori con il 34,4% di share, su Canale 5 si sono sintonizzati 4.382.000 spettatori con il 14%. Il TgLa7 di Enrico Mentana ha sostituto anche Otto e mezzo di Lilli Gruber portando a casa 2.257.000 e il 7,6%, il Tg2 Post ha ottenuto in media 2 milioni e il 6,6% di share e ha conquistato ascolti record Stasera Italia con l’8,5% e 2.342.000 spettatori. Numeri ai quali vanno aggiunti gli speciali delle all news che pure hanno seguito l’evento: RaiNews24, TgCom24, SkyTg24.

In prima serata, dopo l’informazione, ha spopolato Il Commissario Montalbano in onda su Rai1 con l’episodio inedito “Salvo amato, Livia mia”. La serie con Luca Zingaretti ha incollato allo schermo ben 9.377.000 spettatori con il 39% di share, numeri importanti considerando la particolarità della serata e lo slittamento della messa in onda, la serie è stata infatti trasmessa dalle 22.02 alle 00.09.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Bianca Guaccero anche oggi assente da Detto Fatto: “Spero di tornare in settimana”

next