Entrare nelle sale di un ospedale di Emergency per raccontare il conflitto in Afghanistan dal punto di vista delle vittime e di chi, ogni giorno, lavora per curarle. Si chiama “Un ospedale in guerra” il nuovo documentario di Nico Piro, inviato Rai che da anni si occupa di conflitti e crisi dimenticate. Sarà presentato venerdì 6 marzo all’Emergency Infopoint di Torino (a partire dalle 19) nel corso di una serata dedicata all’Afghanistan. Il lavoro mostra ciò che accade durante una “mass casualty”, quando al pronto soccorso arrivano decine e decine di feriti dopo un attentato o una battaglia, e spiega cosa significa per un paramedico vedere arrivare tra le vittime un proprio parente e passare giornate a rimettere insieme corpi fatti a brandelli da un’esplosione.

“Il conflitto afghano non è mai stato così tragico e feroce come in questi anni – spiega Nico Piro – Nonostante questo, è stato colpevolmente fatto scivolare nella categoria delle crisi dimenticate, quelle di cui non parla più nessuno. Eppure le vittime civili sono al loro massimo storico. La produzione di oppio è da record, tra corruzione e brogli il modello democratico “esportato” dopo il 2001 è a pezzi”. Il racconto non si limita alle corsie dell’ospedale perché l’autore ci porta nei bazar di Kabul, allo stadio dove si gioca la finale di calcio, in una palestra riaperta da poco dopo un attacco suicida, ci porta in mezzo agli afghani che provano a vivere una vita normale pur sapendo che ogni giorno può essere l’ultimo, pur sapendo che potrebbero trovarsi sul pianale di un pick up – feriti – in una corsa folle per raggiungere l’ospedale di Emergency nel cuore di Kabul

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Oms: “Nessun segnale che possa sparire in estate”. Germania: “Abbiamo più focolai. Siamo come Italia e Francia”. Malta, vietato l’attracco a una nave da crociera. Prime vittime in Uk e Olanda

next
Articolo Successivo

Migranti, Grecia: “Forze speciali di Ankara attaccano la nostra polizia alla frontiera”. Borrell: “I confini europei non sono aperti”

next