Due mesi dopo il primo caso registrato a Wuhan, la città cinese focolaio dell’epidemia, il coronavirus è arrivato anche in Italia. Il numero dei contagiati è in costante aggiornamento: al momento si tratta di 821 casi, registrati principalmente in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte, a cui si aggiungono i primi casi registrati in Campania, confermati stamattina dall’Iss. Due nuove positività anche in Umbria, Nel Lazio, su tre casi confermati, due sono stati giudicati ‘completamente guariti’: la turista cinese e il ricercatore rientrato da Wuhan. Guariti anche 37 pazienti della Regione Lombardia. Secondo i dati diffusi dalla protezione civile, i pazienti ricoverati con sintomi sono 159, 37 sono in terapia intensiva, mentre la stragrande maggioranza, 278 si trovano in isolamento domiciliare. 44 persone sono guarite, mentre 14 sono decedute.
Di seguito la mappa dei casi accertati nel nostro Paese:

LOMBARDIA – 531 CASI

Di questi però 17 sono deceduti e 40 sono guariti: perciò il totale dei positivi in questo momento è di 474. L’area di Codogno e del suo ospedale è quella dove si concentrano la maggior parte dei casi: si tratta infatti – come ha fatto sapere l’assessore alla Sanità di Regione Lombardia Giulio Gallera – di operatori sanitari, pazienti che vi sono ricoverati o che comunque sono passati dall’ospedale di Codogno e parenti dei primi casi accertati. Proprio di Codogno sono il cosiddetto “paziente uno”, un uomo di 38anni, la moglie incinta e il “paziente tre”, un amico podista del primo. Il focolaio del Lodigiano coinvolge anche Castiglione d’Adda e Casalpusterlengo. Casi accertati nella provincia di Cremona (Pizzighettone e Sesto Cremonese) e in provincia di Bergamo. La prima vittima lombarda del coronavirus è una donna di 75 anni trovata senza vita nella sua casa di Casalpusterlengo.

VENETO – 151 CASI

Di questi, ha spiegato la Regione, 69 sono asintomatici e non hanno richiesto ospedalizzazione. La maggior parte sono concentrati a Vo’ Euganeo, nel padovano, uno dei primi focolai. Altri casi sono stati registrati all’ospedale di Mirano, a Venezia e tra Padova, Mestre e Treviso.

EMILIA ROMAGNA – 145 CASI

Nel dettaglio, 89 sono i casi positivi rilevati a Piacenza (s’intende non la provincia di residenza, ma quella dove è stata fatta la diagnosi), 18 a Modena, 27 a Parma, 9 a Rimini, uno a Reggio Emilia e uno a Ravenna. E passano da 1.224 ai 1.277 i tamponi refertati.

LIGURIA – 19 CASI

Il primo caso registrato è stato quello di una donna di 70 anni ricoverata all’Ospedale Policlinico San Martino di Genova, in isolamento nel reparto di Malattie Infettive. Il caso è stato individuato ad Alassio, ma la donna proviene da Castiglione d’Adda, nel Lodigiano. Successivamente sono stati effettuati tamponi a un gruppo di persone che viaggiava con lei: gli 11 casi accertati riguardano tutti la stessa comitiva. Degli 11 positivi, 7 sono ricoverati in ospedale in buone condizioni generali: cinque a Genova, mentre risulta anche un paziente in attesa di risposta del tampone, ma in buone condizioni generali. L’altro paziente è ricoverato in Malattie Infettive nell’ospedale della Spezia: ha ancora febbre ma le sue condizioni generali sono buone, non presenta sintomi respiratori. La paziente proveniente dall’Ospedale di Albenga di 86 anni che presenta una polmonite è in condizioni stabili rispetto a ieri, con lieve miglioramento del sensorio. E solo questa paziente ha iniziato la terapia antivirale

PIEMONTE – 11 CASI

Di questi, solo uno ha già ricevuto la doppia conferma dell’Iss. Gli altri 10 per ora sono positivi: 7 sono ospedalizzati, non in terapia intensiva (1 a Torino, 3 ad Asti e 3 Novara) e 4 sono in isolamento fiduciario domiciliare.

TOSCANA – 7 CASI

In Toscana invece sono due i casi positivi. Il primo a Pescia (Pistoia), riguarda un informatico di 49 anni rientrato giovedì sera da Codogno, dove ha soggiornato tre giorni per lavoro. Il secondo caso riguarda invece un imprenditore fiorentino di 63 anni che è stato trasferito all’ospedale Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri, nel comune di Bagno a Ripoli (Firenze), in isolamento. Gli altri casi sono tutti riconducibili a questo contagio.

SICILIA – 4 CASI

Si tratta di turisti bergamaschi in vacanza: una donna ricoverata a Palermo per controlli, il cui tampone è risultato positivo. Altri due casi di positività riguardano il marito e un’altra persona che faceva parte del gruppo di 28 turisti arrivati sei giorni fa nel Capoluogo siciliano.

MARCHE – 6 CASI

Il primo caso è stato registrato in provincia di Pesaro.

CAMPANIA – 4 CASI

L’Istituto superiore di sanità ha confermato formalmente che conferma i tre casi di positività in Campania: provengono dal Salernitano, dal Casertano e dalla città di Napoli.

PUGLIA – 3 CASI

Uno ricoverato con sintomi e due in isolamento domiciliare.

CALABRIA – 1 CASO

Si tratta di una persona proveniente da uno dei comuni della “zona rossa”. Il caso è stato riscontrato a Cetraro, in provincia di Cosenza.

ALTO-ADIGE – 1 CASO

Un 31enne altoatesino si trova ora ricoverato in isolamento a Bolzano.

ABRUZZO – 1 CASO

Il primo contagiato presente in Abruzzo – anche se si attende la conferma dalla seconda serie di test presso l’Istituto Spallanzani di Roma – è un impiegato di banca di 50 anni, giunto nell’abitazione estiva di Roseto da Brugherio, in provincia di Monza, con la famiglia.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, bollettino Spallanzani: “Coppia cinese sta meglio, ricercatore in dimissione”. Ippolito: “Il sistema funziona, no a allarmismo”

next
Articolo Successivo

L’inno alla resistenza del Piaggio Ciao: rubato nel 1986 in provincia di Savona, ritrovato ancora in circolazione a Taranto dopo 34 anni

next