Ricevere la proposta di matrimonio da parte della persona che si ama accompagnata da un anello con diamante di Tiffany. Magari proprio il giorno di Natale. È il sogno di molte ragazze tra cui anche quello di una donna inglese che ha visto il suo desiderio realizzarsi. Tutto perfetto se non fosse che l’anello non le andava bene e così ha deciso di andare a farselo aggiustare in uno dei negozi del noto brand di alta gioielleria e lì ha avuto una brutta sorpresa.

È stata lei stessa a raccontare quanto accadutole su Reddit, come riferisce il Mirror: d’accordo con il compagno, si è recata in uno dei negozi con il gioiello nella sua scatoletta verde e ha chiesto a uno dei commessi se fosse possibile stringerlo. Dopo averlo esaminato però, gli addetti di Tiffany le hanno spiegato non solo che non gli risultava la vendita del gioiello al suo fidanzato ma che addirittura non lo riconoscevano come autentico. Imbarazzata, la donna ha chiamato subito il compagno per chiedergli chiarimenti e domandargli se per caso l’avesse comprato di seconda mano online ma lui è andato su tutte le furie e si è rifiutato di darle spiegazioni.

Su Reddit ha spiegato che lui continua a dirle di aver comprato l’anello in quel negozio di Tiffany ma di aver iniziato ad avere dei dubbi anche circa il loro matrimonio. Così molti utenti le hanno consigliato di rinviare le nozze: “Non puoi fidarti, se ti mente su questo potrebbe prenderti in giro in futuro“, le hanno scritto, “aspetta a sposarti, non si sa mai“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dichiarata morta dai medici per assenza di battito cardiaco, donna di 83 anni torna in vita dopo 10 ore

next
Articolo Successivo

Mette il pilota automatico alla sua Tesla e intanto gioca ai videogiochi: ingegnere muore in un incidente

next