Erano a Codogno e Piacenza, ma lunedì si sono autodenunciati all’Asl5 di La Spezia perché durante il week end si erano trasferiti a Montemarcello dalla zona rossa per il coronavirus. Così due nuclei familiari, per un totale di 9 persone, si trovano ora in autoisolamento dopo un’ordinanza restrittiva emessa dal sindaco Andrea De Ranieri perché restino nelle loro abitazioni, nel centro storico.

“Sono asintomatici”, conferma De Ranieri. Lunedì mattina – prosegue il primo cittadino – “si sono autodenunciati all’Asl5 che è andata per fare i controlli necessari”. Nei due nuclei familiari sono presenti anche 5 minori. A quanto risulta domenica sono andati a fare la spesa in località della Val di Magra, ma rassicura e spiega il sindaco non risulterebbero contatti con i residenti.

In Liguria, ad oggi, risultano 3 casi di coronavirus confermati dall’Istituto Superiore di Sanità, come spiegato dal capo della Protezione Civile Angelo Borrelli. Il primo, quello di Alassio, è “il più serio”, ha spiegato il governatore Giovanni Toti.

Dalle scorse ore, intanto, la sala operativa della Protezione civile ligure è entrata in assetto di allerta per la gestione del coronavirus, come deciso da Toti con l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone per rispondere al meglio alle necessità del territorio.

La sala operativa che è aperta 24 ore su 24, si attrezzerà ulteriormente con personale qualificato che supporterà i Comuni che eventualmente ne avranno bisogno e tutte le strutture che ospiteranno le persone che sono o saranno poste in quarantena obbligatoria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, oltre 150 nuovi contagi. Speranza: “I due focolai sono connessi tra loro”. Primi casi sospetti in Puglia e Campania

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Milano riaprono i bar “ma solo con servizio al tavolo”. Lettera aperta dei gestori al sindaco Sala

next