Di prodotti Apple in film e serie TV ne avrete certamente notati tanti, ma ne avete mai visto uno nelle mani del cattivo di turno? La risposta, con ogni probabilità, è no e mai ne vedrete uno. L’azienda di Cupertino, infatti, sarebbe talmente attenta alla propria immagine da curare nei dettagli anche il proprio product placement all’interno della cultura pop, arrivando pesino a ottenere che gli antagonisti dei film non possano fare uso di prodotti con sopra la celebre Mela morsicata. A rivelare il simpatico e poco noto dettaglio è stato Rian Johnson, regista del recente Cena con delitto – Knives Out, durante una video intervista a Vanity Fair.

“Qualsiasi regista che abbia nel suo prossimo film un cattivo che voglia tenere nascosto al pubblico vorrà uccidermi adesso”, ha poi scherzato Johnson, facendo riferimento al fatto di aver svelato al pubblico un semplice trucchetto per capire d’ora in poi se il personaggio di un film di cui sospettano è davvero cattivo o no: “se ha in mano un iPhone, mistero risolto”.

Al di là del divertente aneddoto, il product placement è una strategia di marketing che riveste un ruolo assai importante per molti brand ed è quindi normale che sia particolarmente curato. In una società dell’informazione come la nostra, in cui i servizi di streaming video come Netflix o Amazon Prime Video sono sempre più pervasivi e trasversali rispetto alla televisione classica o al cinema, entrare nella cultura pop col proprio marchio può fare una grande differenza su come i consumatori, soprattutto più giovani, percepiscono un brand. Lo storytelling attorno al marchio, la costruzione di un’immagine è dunque molto importante.

Un esempio classico a tal proposito è il rapporto ormai pluridecennale tra il costruttore britannico di automobili Aston Martin e il franchise di James Bond, ma di esempi ce ne sono tantissimi, dai portatili Vaio agli orologi Omega presenti nel recente ciclo di Daniel Craig, sempre per rimanere in tema 007. Ma potremmo citare anche le Nike presenti in Ritorno al futuro o Forrest Gump o i tablet Microsoft Surface, tanto per tornare in ambito Hi-Tech, molto presenti nella popolare serie TV N.C.I.S.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recensione Realme X2, smartphone dal buon rapporto prezzo/prestazioni ma dal software migliorabile

next
Articolo Successivo

Lenovo ThinkPad Serie T, la nuova gamma di notebook business con processori AMD

next