C’era una volta la magia? Nossignore: la Magia non è mai svanita se a deciderlo è la Pixar Animation Studios. Che ha fatto un vero e proprio regalo alla Berlinale per il suo 70° compleanno: un evento speciale di qualità come l’anteprima mondiale di Onward – Oltre la magia, il suo 22° film, sugli schermi italiani dal 5 marzo.

Mescolando sapientemente generi, registri e citazioni (proprie ed altrui) come è da sempre nel suo stile, la casa fondata da John Lasseter è tornata a centrare il colpo dopo l’altalenanza qualitativa di alcuni fra gli ultimi titoli. E l’originalità di Onward è quasi paradossale perché nasce esattamente dal “riciclone” di universi così noti al pubblico mondiale da apparire sulla carta come tanti déjà-vu. Genere principale del film diretto a Dan Scanlon (Monsters University) è il fantasy in cui s’intrecciano il family, il romanzo di formazione, il road, quest e cop movie a sfondo metropolitano.

Protagonista è una famiglia di elfi (gli echi agli Incredibili sono ovvi ma Onward ha un fuoco totalmente altro) al cui centro sono Ian e Barley, due fratelli il cui padre è scomparso per malattia lasciando poche tracce nella memoria del maggiore Barley se non addirittura nulla in quelle del più piccolo Ian che, nel giorno del suo 16° compleanno, sente ancor più urgente la mancanza della figura paterna. La loro mamma, allora, li stupisce con un dono inimmaginabile: un “oggetto magico” che il padre avrebbe loro lasciato nel momento in cui avrebbero entrambi avuto “almeno” 16 anni. Con Barley superappassionato al mondo della magia relegato a un passato ormai svanito e ridicolizzato, il gioco si fa serio e Ian non potrà che seguirlo in un’avventura destinata a riportarli alle loro origini, nella realizzazione di un sogno insperato.

Film ontologicamente educativo ma lontano dal didascalismo, Onward esplode di contenuti importanti espressi in trovate narrative mai banali, riuscendo a depistare anche il “Pixar-spettatore” più esperto, divertendo i ragazzi e intrattenendo con intelligenza gli adulti. Se la ricetta dei non a caso chiamati “geni della lampada” è ben nota, il mistero sta in come questi autori – ormai composti da sguardi di più generazioni – riescano quasi ogni volta a stupire, a incantare con la propria magia. E in questo caso, appunto, attraverso la Magia nel senso letterale del termine. Se lo sfondo magico e i personaggi mescolano allusioni e fanno riferimento al vocabolario de Il Signore degli Anelli e di Harry Potter, quello “realistico” è il tipico da teen movie americano: la caotica metropoli con grattacieli (però a forma di castelli e torri medievali!), le classiche colazioni con tazzone di cereali e latte, la scuola composta di bulli e secchioni. Ian è nato con la paura in corpo e vorrebbe letteralmente sparire, suo fratello, al contrario, è un impavido guerriero d’altri tempi, viaggia su un rottame a forma di furgone che ha chiamato Ginevra, e si è ridefinito in un look da metallaro-hippie medievale. Non potrebbero essere più distanti, ma è proprio su questo loro tratto oppositivo che la Magia farà il suo incantesimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival di Berlino 2020, My Salinger Year: viaggio spiritual-letterario nella irresistibile New York degli anni ’90

next
Articolo Successivo

Piccole donne è la risposta necessaria a capire la nostra ‘Elena Ferrante fever’

next