Dopo ‘C’ero una volta… La sinistra’ e ‘C’ero una volta… Mani Pulite’, Antonio Padellaro e Silvia Truzzi con il ‘C’ero una volta… il Duce’ – il programma realizzato da Loft Produzioni (in esclusiva per sito e app Loft) – si interrogano sul motivo per cui molti italiani sentano ancora la nostalgia di Benito Mussolini mitizzando il Ventennio fascista. Insieme ad alcuni esperti e con il contributo dei filmati dell’epoca dell’Istituto Luce, i due giornalisti analizzano analogie e differenze con l’attualità, in un momento in cui il 48 per cento degli italiani, secondo il Censis, vuole “l’uomo forte” alla guida del Paese. Secondo ospite, dopo Pietrangelo Buttafuoco, è il direttore di Radio Capital Massimo Giannini: “C’è stata una netta accelerazione di un certo tipo di fatti di cronaca dopo quella che io chiamo “la notte dei citofoni” – spiega il giornalista, facendo riferimento al 21 gennaio scorso quando il leader della Lega Matteo Salvini citofonò a un minorenne tunisino accusandolo di spacciare in un quartiere periferico di Bologna – In cinque casi, sono comparse scritte che segnalavano la presenza di un ebreo, come a Mondovì il 24 gennaio, o sono accadute aggressioni: ecco, questi sono segnali di allarme che hanno a che fare con quel ‘fascismo eterno’ che in Italia continua a esserci”. Non si tratta di una riproposizione storica del fascismo del Ventennio, ma di nuove forme di violenza, razzismo e intolleranza. “Ogni volta che si evoca un episodio che ha a che fare con il fascismo, c’è sempre qualcuno che, banalizzando all’estremo, chiede: ‘E allora il comunismo?’ – prosegue Giannini – Sono due cose diverse: noi il fascismo lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle”. E’ possibile una pacificazione? Secondo l’editorialista de La Repubblica “sì, ma se si riconosce che durante la guerra c’erano i fascisti che stavano dalla parte del torto e gli antifascisti che lottavano per la giustizia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Loft Masterclass, Tomaso Montanari: “L’arte, la cultura e la storia nella Costituzione come vaccino contro il ritorno del fascismo”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.55 sul Nove

next