“Buonasera, ci può far entrare cortesemente? Ci hanno segnalato che da lei parte lo spaccio della droga nel quartiere, è giusto o sbagliato?”. Così l’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, durante il suo tour elettorale a Bologna per le regionali in Emilia Romagna, si è rivolto a un cittadino di origini tunisine, citofonando a casa sua nel cuore del quartiere popolare di Pilastro. Il leader della Lega per il “blitz” improvvisato si è fatto guidare da una fan. Lei stessa, assicurando la regolarità della famiglia, ha segnalato a Salvini i presunti “pusher”. “Sono sia il padre che il figlio”, ha spiegato in diretta Facebook la donna. La provocazione non è passata inosservata, tanto che molti contestatori durante le riprese hanno urlato e fischiato contro il ministro dell’Interno. Mentre suonava al citofono della casa indicata dalla donna, infatti, Salvini era sotto i riflettori delle telecamere, circondato da diversi agenti delle forze dell’ordine tra Polizia e Carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sicilia, governo Musumeci all’angolo: l’assemblea regionale boccia l’esercizio provvisorio del bilancio, rischio paralisi

next
Articolo Successivo

Giustizia, fumata nera su prescrizione. Annibali (Iv): “Lodo Conte incostituzionale”. Ma il Pd: “Non lo è”. E Verini assicura: “Fatti passi avanti”

next