“Un collega mi ha chiamato per dirmi che c’era una sparatoria vicino al chiosco e ho guidato fino a qui. Ho pensato a mio padre e a mio fratello che gestiscono quel chiosco, poi li ho visti entrambi. Erano terrorizzati, piangevano, erano tutti scioccati“. È il racconto di Can-Luca Frisenna, residente a Francoforte, della sparatoria nella città tedesca di Hanau in due locali frequentati dalla comunità turca, dove 11 persone sono morte. “Sembrava di essere in un film, come se qualcuno stesse facendo uno scherzo. Non riesco ancora a credere a quello che è successo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, morti due passeggeri della Diamond Princess: ne sbarcano altri 500. Finita la quarantena alla Cecchignola

next
Articolo Successivo

Libia, Procura di Genova indaga per “traffico internazionale di armi” dalla Turchia a Tripoli. “Su vecchio cargo i carri armati per al-Sarraj”

next