Ha un aspetto decisamente più determinato che in passato la nuova generazione della Hyundai i20, progettata per battagliare con best seller del calibro di Renault Clio e Peugeot 208. Arriva in scia alla più piccola i10, disegnata dall’italiano Davide Varenna, e anticipa il restyling della i30, che prevede gruppi ottici dal piglio più arcigno.

Si tratta di un modello strategico fondamentale per la marca coreana, che salirà sul palcoscenico del Salone di Ginevra, in programma dal 5 al 15 marzo, dove presumibilmente verranno date indicazioni più precise sui suoi prezzi e sulla data di esordio a listino.

Le dimensioni esterne non cambiano molto rispetto al modello uscente, ma le proporzioni risultano più atletiche: l’auto è più bassa di 2,4 centimetri e più larga di 3, mentre la lunghezza totale si mantiene a quota 404 cm. Generoso il bagagliaio, che offre una capacità di 351 litri.

Riuscita l’architettura della plancia, in cui spicca la strumentazione digitale e il sistema di infotainment connesso alla rete (compatibile con Apple CarPlay e Android Auto), che sono basati due due pannelli lcd da 10,25 pollici. Non mancano chicche come la ricarica induttiva per smartphone o l’impianto audio by Bose.

Due le opzioni motoristiche al lancio: un quattro cilindri benzina aspirato di 1,2 litri di cilindrata e 84 Cv di potenza massima, abbinato al cambio manuale cinque marce, e un più prestazionale tre cilindri turbo di un litro, da 100 o 120 Cv. Nell’edizione più potente, è accoppiato alla tecnologia mild hybrid a 48 Volt, opzionale per la versione da 100 Cv.

Le i20 elettrificate sono disponibili pure con cambio automatico doppia frizione a sette marce. Al passo coi tempi il corredo elettronico di ausili alla guida, che include la frenata automatica di emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, lo Smart Cruise Control, assistente di corsia e sensore degli angoli bui dei retrovisori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Audi, con la gamma Q in Sardegna tra fari, saline e fenicotteri rosa – FOTO

next