Protesta di Greenpeace nei confronti di Intesa Sanpaolo. Questa mattina, a Milano, sulla facciata di una delle sedi storiche dell’istituto di credito è stato affisso uno striscione con la scritta “Basta soldi al carbone – L’Australia brucia”. Gli attivisti hanno voluto denunciare “i finanziamenti che il gruppo finanziario italiano continua a elargire alle fonti fossili e in particolare alla multinazionale indiana Adani – si legge in una nota – una delle compagnie più inquinanti al mondo, responsabile del progetto di sfruttamento del giacimento minerario Galilee in Australia“. L’associazione ha anche denunciato il fatto che Intesa, nonostante “si presenti come paladina della sostenibilità, è una delle pochissime banche internazionali a non aver adottato nessuna politica di restrizione dei finanziamenti delle fonti fossili”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

I rischi ambientali aumentano in caso di conflitti. E nei campi profughi tutto si complica

next
Articolo Successivo

C’è siccità? In Sicilia invocano Sant’Antonio ma la scienza non crede nei miracoli

next