Protesta di Greenpeace nei confronti di Intesa Sanpaolo. Questa mattina, a Milano, sulla facciata di una delle sedi storiche dell’istituto di credito è stato affisso uno striscione con la scritta “Basta soldi al carbone – L’Australia brucia”. Gli attivisti hanno voluto denunciare “i finanziamenti che il gruppo finanziario italiano continua a elargire alle fonti fossili e in particolare alla multinazionale indiana Adani – si legge in una nota – una delle compagnie più inquinanti al mondo, responsabile del progetto di sfruttamento del giacimento minerario Galilee in Australia“. L’associazione ha anche denunciato il fatto che Intesa, nonostante “si presenti come paladina della sostenibilità, è una delle pochissime banche internazionali a non aver adottato nessuna politica di restrizione dei finanziamenti delle fonti fossili”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

I rischi ambientali aumentano in caso di conflitti. E nei campi profughi tutto si complica

next
Articolo Successivo

C’è siccità? In Sicilia invocano Sant’Antonio ma la scienza non crede nei miracoli

next