“Tra i punti programmatici che vanno valorizzati immediatamente ci sono gli insegnanti di sostegno“, ma anche il tema degli “istituti tecnici superiori” e la “programmazione”, ovvero “concorsi in regola“. A tracciare la rotta è la ministra della Scuola Lucia Azzolina, al termine del tavolo a Palazzo Chigi presieduto dal premier Giuseppe Conte. “I nostri studenti disabili hanno una priorità assoluta e hanno diritto ad avere insegnanti specializzati e assunti”, rimarca Azzolina. Che sottolinea anche l’importanza della “valorizzazione degli istituti tecnici e professionali: non sono scuole di serie B e non devono essere percepite così dal Paese; così come la valorizzazione degli istituti tecnici superiori, gli Its, scuole in cui il 90% di chi le frequenta trova lavoro. E poi la programmazione – dice ancora il ministro – al Miur è stata una parola spesso sconosciuta: i concorsi vanno fatti regolarmente per evitare di trovarci a inizio settembre puntualmente con decine di migliaia di precari”. Al tavolo c’è stato “un clima sereno e operativo, sono soddisfatta perché ho visto una maggioranza volare alto sui temi della scuola”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sapienza, giovane di destra parlerà davanti alla Segre. Studenti di sinistra: “No, è neofascista”. Lui: “Condivido le sue battaglie contro l’odio”

next
Articolo Successivo

A scuola vince il disinteresse, anche nei sindacati. E i docenti ormai sono soli

next