I certificati “per causa di forza maggiore” – I certificati del China Council for the Promotion of International Trade (Cccpit) certificando che le aziend stanno subendo circostanze che esulano dal loro controllo e consentono di non adempiere a impegni contrattuali per un valore di 109,9 miliardi di yuan, pari a circa 15,7 miliardi di dollari. L’epidemia di Covid-19 ha in diversi casi ritardato o fermato la produzione poiché le misure di quarantena hanno impedito a molti lavoratori di tornare ai loro posti di lavoro. Secondo il Ccpit, alcune aziende hanno presentato il certificato ai loro clienti e si sono accordate su una data successiva per evadere gli ordini senza dover affrontare responsabilità legali. Un’azienda manifatturiera nella provincia di Zhejiang, in Cina orientale, è stata la prima ad ottenere il certificato il 2 febbraio per giustificare la mancata evasione di un ordine di 2,4 milioni di yuan all’estero, che avrebbe potuto comportare un risarcimento di 30 milioni di yuan.
Intanto, secondo il Wall Street Journal, i volumi del trasporto marittimo di merci dalla Cina verso l’estero stanno crollando: molti cargo vengono cancellati, e quando partono i container sono semivuoti. Le case automobilistiche nipponiche, in compenso, lunedì hanno parzialmente ripreso la produzione in Cina: Toyota ha riferito che, sui suoi quattro impianti, quelli di Changchun e Guangzhou sono ripartiti. Per Tianjin e Chengdu si dovrà attendere fino al 24 febbraio o più tardi. Honda ha riavviato le operazioni nelle tre fabbriche di Guangzhou, pianificando un aumento progressivo della produzione. Per quello di Wuhan, città focolaio dell’epidemia, l’attesa è per il 24 febbraio o ancora più avanti.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, i negoziati sul commercio sono solo all’inizio. Ecco le strade possibili: dall’accordo per togliere i dazi allo scenario senza intesa

next
Articolo Successivo

Intesa Sanpaolo, offerta di scambio per acquisire Ubi. “Insieme ricavi per 21 miliardi”. 2.500 assunzioni di giovani in cambio di 5mila uscite

next