Con tre giorni di ritardo rispetto alle previsioni a causa del vento e della necessità di rifilare l’impalcato, che superava di qualche centimetro la lunghezza prevista, nel primo pomeriggio gli abitanti della Val Polcevera hanno finalmente visto sollevata la prima delle tre campate più lunghe del nuovo viadotto di Genova. Nelle immagini diffuse dalla struttura commissariale che sta seguendo la ricostruzione si può vedere il lungo lavoro di sollevamento iniziato ieri sera, con l’impalcato da 93 metri di acciaio-calcestruzzo del peso di 1.800 tonnellate che viene posato a 40 metri di altezza sulle pile di quel che sarà il nuovo ponte. L’intero impalcato, composto da 19 campate, delle quali nove sono già al loro posto, dovrebbe essere in posizione entro fine marzo. Secondo le ultime dichiarazioni del Sindaco e Commissario per la ricostruzione Marco Bucci, invece, il ponte dovrebbe essere percorribile entro la primavera, “che finisce il 21 giugno”. Il primo cittadino ha quindi voluto intendere che il ritardo rispetto alle iniziali aspettative sarà di circa sei mesi, ma entro l’estate il cantiere dovrebbe essere concluso e si lavorerà al “Parco del Ponte” per riqualificare l’area del mega cantiere sottostante al viadotto di 1.067 metri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Successivo

Omicidio Cerciello Rega, in un video alcuni secondi dell’interrogatorio bendato di Gabriel Natale Hjorth

next