I loro diari di bordo sono su Twitter, dove postano foto di pranzi, cene, colazioni e ora d’aria. Sono i 3711 passeggeri della Diamond Princess, costretti all’isolamento dal 4 febbraio a bordo dell’imbarcazione ferma nel porto giapponese di Yokohama. Venti persone sono risultate contagiate dal virus e la loro quarantena è stata decisa dopo che un passeggero di 80 anni, sbarcato il 25 gennaio a Hong Kong, è risultato positivo. Chi è a bordo conta letteralmente i giorni: il tempo, raccontano nelle loro cronache dalla quarantena, non passa mai quando si è costretti a stare chiusi 24 ore su 24 in cabina. Magari con figli piccoli. E allora piovono foto di sudoku e cruciverba. E dei pasti che vengono distribuiti nelle stanze dal personale di bordo, impegnato – ammettono i passeggeri – a rendere meno dura la situazione di solitudine.

“La nostra prima crociera, per celebrare 9 anni di matrimonio. E il comandante ha appena annunciato 10 ulteriori test risultati positivi al virus. Felice anniversario!”, scrive una coppia. Alcuni viaggiatori hanno addirittura battezzato un profilo ad hoc: ‘Quarantenati sulla Diamond Princess’. Il racconto comincia con il giorno 1, il 5 febbraio. Dopo la prima decina di campioni positivi. Attività cancellate, comincia la quarantena. “Il cibo verrà mandato direttamente nelle stanze“, informa l’equipaggio. C’è chi posta la posizione della nave e chi usa i social per condividere i suoi sentimenti. “Preoccupazione”, “paura ora”, “ansia”.

Chi è costretto a stare dentro cabine senza finestra è ancora più esasperato. Il flusso di messaggi è ininterrotto. Le foto documentano il momento in cui vengono distribuite le mascherine, poi l’arrivo dei termometri e dei guanti di gomma. C’è chi ha bisogno di rifornirsi di medicinali. E chi ringrazia per il film che ha potuto vedere alla tv in camera. Chi si sente “prigioniero” e chi cerca di alleggerire il clima. Il momento più bello? L’ora d’aria, certificano le foto. Sono gli scatti più numerosi: quelli che ritraggono gruppi di persone all’aria aperta nel breve lasso di tempo in cui viene loro concesso, a turno, sorridenti sotto le mascherine.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Algeria, chi parte per l’Europa non è spinto solo dalla disoccupazione

next