I trasporti marittimi europei liberano 140 milioni di tonnellate di CO2 nell’aria all’anno. Per rendere meglio l’idea, significa che producono la stessa quantità di anidride carbonica dei 20 Paesi europei minori. Se si considerano solo le navi da crociera si scopre, grazie al report Transport & Environment, che 203 giganti dei mari inquinano più dei 260 milioni di automobili che circolano nel Vecchio Continente. Un problema che Genova conosce molto bene: ogni giorno le navi che attraccano al porto emettono una quantità di ossido di azoto dieci volte superiore a quello dei veicoli che percorrono le strade della città. A dirlo ai microfoni di Sono le Venti – in onda sul Nove – è Federico Valerio, chimico dell’Ecoistituto Reggio Emilia-Genova. Che punta il dito, soprattutto, sui fumi inquinanti delle grandi imbarcazioni: “Secondo le stime, 40mila genovesi sono coinvolti dai loro effetti negativi”.

Fumate nere di navi in genere molto vecchie che impattano, oltreché sull’ambiente, sulla salute delle persone. “Chi vive intorno al porto – continua Valerio – sta peggio. È più probabile, infatti, che abbia problemi respiratori, cardiocircolatori e tumori”. Per far fronte a ciò, l’Autorità portuale ha iniziato il processo di elettrificazione delle banchine: “La fine dei lavori è prevista entro la fine del 2020 – spiega l’ingegnere Davide Sciutto – consentirà di eliminare le emissioni e azzerare il rumore nell’area delle riparazioni navali”.

Il punto fondamentale, però, è che non esistono misurazioni ufficiali sui livelli d’inquinamento di ciascuna imbarcazione e, come sottolinea l’armatore Ignazio Messina, “non esistono nemmeno penalità per chi non si è dotato di attrezzature” meno impattanti. Il risultato è che tra le 50 città più colpite dai fumi tossici del turismo di lusso, dieci sono italiane. Non succede così, invece, nel Nord Europa, dove sono state messe a punto norme specifiche che limitano l’emissione di polveri sottili e CO2.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giornata mondiale zone umide, in Italia sono 1520: essenziali per clima, biodiversità e fonti, rischiano di sparire. “Il 2020 sarà cruciale”

next
Articolo Successivo

Plastic tax, Italia Viva vuole il rinvio. L’esperto: “È utile, in mare tanti imballaggi. Tassa sulle imprese? Lo è se pensano solo al loro mercato”

next