“Stare tranquilli è un parolone, c’è il mio nome in tutta Italia. È stata una bella botta”, così in un intervista a Piazza Pulita su La7 il ragazzo accusato di spaccio da Matteo Salvini in un video in diretta Facebook durante la campagna elettorale per le Regionali in Emilia Romagna, racconta la vita dopo la citofonata del leader della Lega. “Il mio obiettivo è diventare calciatore”, racconta ancora, aggiungendo che così “a uno di 17 anni gli hai rovinato la vita in 5 minuti”. “Il video? Non riesco a finirlo, mi fa rabbia, mi dà fastidio – spiega ancora – Mi son sentito male, debole. Alla fine Salvini è forte”. E alla domanda cosa chiederebbe a Salvini risponde: “Gli chiederei come si sente, se ha un cuore, se lo fa per pubblicità, perché lo fa? Non ti viene da dire ‘hai fatto una cazzata’? No, lui continua a dire che lo rifarebbe”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Imprenditori ex indotto Ilva protestano contro la conduttrice Myrta Merlino e mostrano le spalle

next
Articolo Successivo

La7, battibecco tra Becchi e Formigli. “Me ne vado, basta”. “Ma sta a casa sua, dove va?”. Poi il filosofo ci ripensa e ritorna

next