“Stare tranquilli è un parolone, c’è il mio nome in tutta Italia. È stata una bella botta”, così in un intervista a Piazza Pulita su La7 il ragazzo accusato di spaccio da Matteo Salvini in un video in diretta Facebook durante la campagna elettorale per le Regionali in Emilia Romagna, racconta la vita dopo la citofonata del leader della Lega. “Il mio obiettivo è diventare calciatore”, racconta ancora, aggiungendo che così “a uno di 17 anni gli hai rovinato la vita in 5 minuti”. “Il video? Non riesco a finirlo, mi fa rabbia, mi dà fastidio – spiega ancora – Mi son sentito male, debole. Alla fine Salvini è forte”. E alla domanda cosa chiederebbe a Salvini risponde: “Gli chiederei come si sente, se ha un cuore, se lo fa per pubblicità, perché lo fa? Non ti viene da dire ‘hai fatto una cazzata’? No, lui continua a dire che lo rifarebbe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Imprenditori ex indotto Ilva protestano contro la conduttrice Myrta Merlino e mostrano le spalle

next
Articolo Successivo

La7, battibecco tra Becchi e Formigli. “Me ne vado, basta”. “Ma sta a casa sua, dove va?”. Poi il filosofo ci ripensa e ritorna

next