I lavoratori della Whirlpool di Napoli in presidio davanti al Ministero dello Sviluppo economico hanno contestato i rappresentanti sindacali al termine del tavolo sulla vertenza con spintoni e lanci d’acqua. I sindacalisti, infatti, tra cui Marco Bentivogli della Fim, dopo circa sei ore di confronto sono usciti dal Mise annunciando che l’incontro era andato male. Questo ha scatenato la rabbia dei manifestanti che hanno urlato: “Venduti! Avete dormito! Vergogna!”. I dipendenti dello stabilimento napoletano poi si sono scontrati anche con la polizia, costretta a intervenire per riportare l’ordine. A causa di un malore una persona è stata trasportata all’ospedale. Dopo il deludente tavolo, Fiom, Fim e Uilm hanno dichiarato 16 ore di sciopero per tutto il Gruppo Whirlpool, le prime 8 ore con articolazione territoriale con presidi davanti agli stabilimenti, le altre 8 in occasione della mobilitazione nazionale che verrà definita nelle prossime settimane.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Istat: “A dicembre occupazione in discesa. Calano di 75mila i dipendenti stabili e i precari toccano un nuovo record”

next
Articolo Successivo

Whirpool, sciopero di 16 ore in tutti i siti italiani dopo la conferma dell’addio a Napoli. De Magistris: “Di Maio illuse gli operai”

next