I lavoratori della Whirlpool di Napoli in presidio davanti al Ministero dello Sviluppo economico hanno contestato i rappresentanti sindacali al termine del tavolo sulla vertenza con spintoni e lanci d’acqua. I sindacalisti, infatti, tra cui Marco Bentivogli della Fim, dopo circa sei ore di confronto sono usciti dal Mise annunciando che l’incontro era andato male. Questo ha scatenato la rabbia dei manifestanti che hanno urlato: “Venduti! Avete dormito! Vergogna!”. I dipendenti dello stabilimento napoletano poi si sono scontrati anche con la polizia, costretta a intervenire per riportare l’ordine. A causa di un malore una persona è stata trasportata all’ospedale. Dopo il deludente tavolo, Fiom, Fim e Uilm hanno dichiarato 16 ore di sciopero per tutto il Gruppo Whirlpool, le prime 8 ore con articolazione territoriale con presidi davanti agli stabilimenti, le altre 8 in occasione della mobilitazione nazionale che verrà definita nelle prossime settimane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lavoro, Istat: “A dicembre occupazione in discesa. Calano di 75mila i dipendenti stabili e i precari toccano un nuovo record”

next
Articolo Successivo

Whirpool, sciopero di 16 ore in tutti i siti italiani dopo la conferma dell’addio a Napoli. De Magistris: “Di Maio illuse gli operai”

next