L’epidemia apparsa in Cina, nella città di Wuhan, negli ultimissimi giorni del 2019 e dovuta al coronavirus 2019-nCov ha raggiunto circa 8.000 casi, 170 dei quali con esito fatale. La Cina è il paese più colpito, ma un piccolo numero di casi è stato esportato al di fuori dei suoi confini, anche negli Usa e in Europa. Il virus è stato caratterizzato dagli scienziati cinesi, che ne hanno pubblicato il genoma e in molti paesi si sta attivamente cercando di produrre un vaccino. Quanto è pericolosa questa nuova epidemia? Al momento è difficile dare informazioni certe e sia il Center for Disease Control che l’Organizzazione Mondiale della Sanità considerano questa nuova epidemia potenzialmente molto pericolosa.

Nuove malattie infettive emergono costantemente, a causa delle mutazioni genetiche dei microorganismi; apparentemente il 2019-nCov deriva da un virus dei pipistrelli che ha acquisito la capacità di infettare l’uomo e che si sarebbe diffuso inizialmente da mercati alimentari. Di fatto gli animali, selvatici o di allevamento, utilizzati a scopo alimentare sono la prima sorgente di molti se non di tutti i virus umani. Una volta che il virus ha acquisito la capacità di infettare l’uomo, come è accaduto per 2019-nCov, la sua capacità di dare vere e proprie epidemie e diffondersi all’intera popolazione umana dipende essenzialmente da tre fattori: la modalità di contagio, la probabilità di contagio e la durata del periodo in cui il malato è infettante e diffonde il virus nell’ambiente. Nel caso di 2019-nCov, la malattia colpisce soprattutto le vie respiratorie ed il virus apparentemente è trasmesso all’esterno con le microscopiche goccioline di saliva emesse dal paziente con la tosse. Questa modalità di contagio è molto comune, ed è condivisa ad esempio dall’influenza e dal morbillo; è anche una modalità di contagio molto efficace.

La probabilità del contagio dipende da quanto virus viene emesso e da quanto esso rimane vitale nell’ambiente esterno. E’ un parametro molto variabile e può aumentare se si verificano nel virus nuove mutazioni. Infine il periodo in cui il malato è infettante per la gran parte dei virus trasmessi per via respiratoria, e probabilmente anche per 2019-nCov, va dagli ultimi giorni del periodo di incubazione (nei quali il paziente è asintomatico) fino alla guarigione della fase febbrile.

2019-nCov è un virus abbastanza “tipico” e simile ad altri coronavirus già emersi con la Sars (Severe Acute Respiratory Syndrome) e con la Mers (Middle East Respiratory Syndrome). Rispetto a questi suoi fratelli maggiori, 2019-nCov presenta una mortalità meno elevata (circa 2-3% dei casi, rispetto a circa 10% per la Sars e circa 30% per la Mers). Questi valori di mortalità sono molto elevati: per avere un raffronto, la mortalità del vaiolo oscillava nelle diverse epidemie tra il 30% e il 2%; quella del morbillo in Europa è pari a circa lo 0,03% (ma può essere oltre trenta volte più alta nelle popolazioni che soffrono di condizioni di denutrizione); quella dell’influenza è di solito bassa ma nelle epidemie più gravi ha superato il 2%.

A differenza del vaiolo, del morbillo e dell’influenza, che avevano o hanno probabilità di contagio molto elevate, spesso superiori al 10% della popolazione suscettibile esposta, nel caso di 2019-nCov la probabilità del contagio è relativamente bassa, anche se probabilmente superiore a quella della Sars e della Mers: infatti a distanza ormai di un mese dal suo apparire, all’interno di una comunità popolosa e sensibile, il numero dei casi registrati è di 8.000 su una popolazione potenzialmente esposta di 6-11 milioni. Dall’andamento temporale dei casi segnalati si stima che il picco dell’epidemia potrebbe essere raggiunto tra i mesi di febbraio e aprile. In ultima analisi appare al momento improbabile che 2019-nCov possa causare una pandemia mondiale e danni maggiori di Sars e Mers. Ovviamente, nuove mutazioni del virus potrebbero rendere la malattia molto più contagiosa.

L’unica reale protezione contro le infezioni virali di questo tipo è il vaccino. I farmaci antivirali sono pochi e non sempre efficaci e le misure di contenimento delle epidemie ne rallentano la diffusione, ma non possono impedirla, anche perché la malattia non è facilmente diagnosticabile durante il periodo di incubazione e quindi molti casi possono sfuggire ai tentativi di contenimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il Sole come non lo avete mai visto, le straordinarie immagini del telescopio Daniel K. Inouye

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’esperto: “Segnali di pandemia ma per gravità sta a metà tra influenza stagionale e la Sars”

next