Non succedeva da 9 anni a “Chi vuol essere milionario?”. Il manager 30enne di Popoli (Pescara), Enrico Remigio, che nella scorsa puntata è arrivato alla domanda da 300.000 euro, è riuscito a a rispondere all’ultima domanda e a diventare milionario. La domanda che gli ha permesso di mettere a segno il milione di euro è stata “Cosa lasciò scritto sul suolo lunare Gene Cernan, l’ultimo uomo che mise piede sulla Luna?”. La risposta era “Le iniziali della figlia”, ossia TDC per Tracy D. Cernan. Remigio stesso ammette di non sapere la risposta, quindi l’illuminazione arriva dopo un lungo ragionamento. Nessuna tentazione di mollare il colpo. “Infatti i miei genitori (padre agente di commercio, madre direttrice di hotel, ndr) e la mia ragazza sono rimasti basiti. Ma ha vinto la paura del rimpianto – spiega il vincitore a Il Corriere della Sera – . Il pensiero di non averci provato mi avrebbe perseguitato”.

Enrico Remigio lavora a Singapore come responsabile vendite per una grossa azienda di motociclette. “Vivo all’estero da tanti anni e non seguo più di tanto la tv italiana, ma ‘Chi vuol essere milionario?‘ è uno dei pochi programmi che ho sempre guardato, è una sfida che ho sempre pensato di poter affrontare”, rivela. E poi racconta come utilizzerà la grossa cifra vinta: “Non ho spese immediate da affrontare, non c’è un sogno che volevo realizzare. In un’epoca di incertezza sul futuro, è un cuscinetto che mi dà la possibilità di ricominciare dove voglio, magari tornare in Europa; insomma è un’ottima base su cui fare affidamento. Ma penso che sia venuto il momento di comprare un anello…”. E qui la fidanzata francese Lauren, che vive a Bangkok, è avvisata.

Negli ultimi 20 anni, Gerry Scotti ha letto la domanda da 1 milione 6 volte, e tre giocatori hanno risposto esattamente. L’ultima volta è stata nel 2011. Enrico Remigio è il quarto concorrente della storia del quiz ad aver vinto il massimo del montepremi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), politici che non pagano e crisi del M5s: rivedi l’ottava puntata del programma condotto da Gomez

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), dal ritorno dei vitalizi ai senatori alle previsioni errate degli economisti: rivedi la puntata del programma di Peter Gomez

next