Nessun licenziamento alla Mahle. Questo il punto principale dell’accordo raggiunto al tavolo del Ministero per lo Sviluppo. I 452 lavoratori dell’azienda tedesca andranno in cassa integrazione. A novembre la multinazionale, che produce componentistica per il settore auto, aveva annunciato la chiusura dei suoi due stabilimenti piemontesi con il licenziamento di tutti i lavoratori: 209 dello stabilimento di Saluzzo e 243 di quello di La Loggia. Al termine di una lunga trattativa, la Mahle ha accettato di ritirare il piano di licenziamento.

L’accordo appena raggiunto prevede la cassa integrazione per cessazione e reindustrializzazione, che verrà affiancata da una forte azione della Regione Piemonte. Saranno avviate tutte le politiche attive disponibili e saranno messi in campo incentivi alle imprese che proporranno di rilevare i siti di Saluzzo e La Loggia. Una soluzione definita da tutti positiva, considerando le premesse, che consentirà di continuare a lavorare per mantenere le imprese sul territorio salvaguardando l’occupazione.

All’incontro al Mise, oltre all’assessore regionale al Lavoro Elena Chiorino, erano presenti le parti sociali, una delegazione del Comune di Saluzzo, il vice capo di Gabinetto del Mise Giorgio Sorial, il vice ministro Alessandra Todde e i rappresentanti dell’azienda italiani e tedeschi. La multinazionale, si legge in una nota, “si è impegnata a non avviare azioni unilaterali, a proseguire il confronto tra le parti sia in sede locale che aziendale e a dare mandato ad un advisor per verificare la presenza di potenziali investitori interessati”. Inoltre, “verrà valutata la possibilità di ricollocare i lavoratori all’interno dell’azienda e di mettere a disposizione incentivi all’esodo, avviando al contempo la richiesta di utilizzo di ammortizzatori sociali previsti per la reindustrializzazione”.

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha dichiarato che si tratta di “un risultato importante che adesso ci dà il tempo e gli ammortizzatori per gestire la situazione e approfondire le strade per dare un futuro ai due stabilimenti di Saluzzo e La Loggia e a tutti i lavoratori”. Il viceministro Alessandra Todde ha affermato che ritiene “un segnale importante che l’azienda abbia deciso di sospendere la procedura di licenziamento collettivo ed aprire un nuovo confronto tra le parti. Stiamo lavorando in modo serio per mettere in campo ogni azione e strumento per dare un futuro ai due stabilimenti. Per il Mise è prioritaria la prospettiva produttiva degli stabilimenti e la salvaguardia occupazionale”. La Todde conclude sottolineando che il ministero continuerà “il monitoraggio sugli sviluppi del confronto fra le parti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni, nel 2019 oltre il 29% in più di uscite anticipate: per l’Inps è anche l’effetto di Quota 100

next
Articolo Successivo

Contro Frank e l’algocrazia di Deliveroo. La strada per i diritti dei rider è finalmente aperta

next