“L’azienda si è comportata come un boia, in due minuti ci ha tagliato la testa”. A parlare è Roberto, uno dei 400 lavoratori degli stabilimenti Mahle di La Loggia e Saluzzo, in Piemonte, che a gennaio rischiano di perdere il lavoro. La multinazionale con base in Germania che produce pistoni ha annunciato qualche settimana fa la chiusura dei siti produttivi piemontesi. E così mentre continua la mobilitazione sostenuta dai sindacati Fiom e Cisl rimane l’incertezza riguardo al proprio futuro. “Io e mio marito ci siamo conosciuti qui in fabbrica – racconta Rosa – abbiamo un bambino di due anni e viviamo con una spada di Damocle sulla testa”. La motivazione della crisi del settore diesel, secondo i lavoratori, non basta a giustificare la decisione dell’azienda: “Dietro a questa scelta c’è la volontà di andare dove il lavoro costa meno” spiega uno dei lavoratori che chiedono all’azienda di togliere “la pistola dalla loro tempia”. Come spiega Bruno Ieraci della Fiom Cgil Torino: “Siamo pronti a ribadire qualsiasi soluzione che garantisca l’occupazione qualora l’azienda tolga dal tavolo la cessata attività”. L’appello al governo dunque è quello di “intervenire in modo sistemico. Non bastano più le toppe, ma serve una vera politica del lavoro in questo paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pubblica amministrazione, da venerdì via i limiti alle assunzioni e torna il turnover in tutti i rami dello Stato: 150mila ingressi l’anno

prev
Articolo Successivo

Ex Ilva, Confindustria a Palazzo Chigi: “Si usi buon senso, le imprese non finanzino la disoccupazione”

next