Pochi secondi in cui la comunicazione risulta fortemente disturbata. Poi la torre di controllo che avverte: “State volando a una quota troppo bassa”. Ancora qualche secondo, poi il contatto con l’elicottero su cui viaggia Kobe Bryant insieme alla figlia e altre sette persone viene perso. Sono gli ultimi istanti, col dialogo tra gli operatori dell’aviazione di Burbank e il pilota del Sikorsky S-76B, prima dello schianto avvenuto due giorni fa, poco dopo le 9.30, a Calabasas, Los Angeles. La leggenda della Nba era diretta al Camarillo Airport, vicino al suo centro sportivo, la Mamba Sports Academy.

Audio LiveATC

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kobe Bryant, le illustrazioni di Francesco Poroli per spiegare il Mamba ai bambini

next
Articolo Successivo

Kobe Bryant, petizione per inserirlo nel logo Nba: firmano oltre 2 milioni di persone

next