Da domani speriamo di tornare alla normalità”. Dopo oltre due mesi di campagna elettorale, i cittadini di Bologna si preparano a eleggere il presidente della Regione. Un’elezione molto sentita, a parte qualche rara eccezione, dai cittadini emiliano-romagnoli. Alle 12 il dato dell’affluenza ha raggiunto il 23%, il doppio rispetto a cinque anni fa. “Speriamo che sia una giornata storica” racconta un pensionato vicino a piazza Maggiore. C’è chi evoca l’apocalisse in caso di cambio di governo, ma c’è anche chi scherza: “Ormai siamo abituati a resistere alle apocalissi, ne abbiamo viste tante”. Seppur divisi sul voto, i cittadini bolognesi sembrano però concordare su un punto: “Da domani speriamo che tutti abbassino i toni tornando a fare politica nei luoghi della politica e non al bar”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni regionali, affluenza definitiva: in Emilia Romagna vota il 67% (+30 rispetto al 2014), in Calabria il 44% (stabile)

next