L’allarme è stato lanciato dalla Fao e già a novembre le Nazioni Unite avevano avvertito: l’infestazione “senza precedenti” può estendersi anche in Etiopia e in Kenya. E ora l’emergenza è diventata realtà: sciami di milioni di locuste stanno invadendo il Corno d’Africa, divorando cibo e raccolti. Un’emergenza simile non si vedeva in Etiopia e Somalia da 25 anni, addirittura da 70 in Kenya. A rischio anche Sud Sudan e Uganda. I numeri sono già altissimi, ma l’agenzia Onu, che ha lanciato un appello per l’invio di aiuti internazionali, stima che il prossimo giugno il numero di locuste possa crescere esponenzialmente di 500 volte. “La situazione è estremamente allarmante – ha spiegato la Fao in un comunicato – e rappresenta una minaccia senza precedenti per la sicurezza alimentare e il sostentamento nel Corno d’Africa. Inoltre, enormi quantità di locuste continuano a svilupparsi lungo entrambe le sponde del Mar Rosso, in Oman e nell’Iran meridionale”.

A creare le condizioni ideali per la moltiplicazione degli insetti sono state le forti piogge alla fine del 2019. E oltre all’Africa orientale, si sono riprodotte anche in India, Iran e Pakistan. Una situazione che potrebbe dare vita a sciami importanti in primavera. Le locuste sono insetti che possono percorrere fino a 150 chilometri (93 miglia) in un giorno e ognuno di loro può mangiare il proprio peso ogni giorno nel cibo. In Etiopia, nella regione centrosettentrionale Amhara, alcuni agricoltori hanno perso il 100% delle loro colture. Sempre in Etiopia il mese scorso uno sciame ha mandato fuori rotta un aereo passeggeri: gli insetti si sono schiantati contro i motori, il parabrezza e il muso, costringendo l’aereo ad atterrare ad Addis Abeba.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il principe Carlo ignora Mike Pence: lo guarda negli occhi, poi evita la stretta di mano. E il vicepresidente Usa reagisce così

next
Articolo Successivo

Germania, 26enne spara in un edificio a Rot am See: uccisi i genitori e altri quattro parenti

next