Tre uomini e tre donne di età compresa tra i 36 ed i 69 anni sono stati uccisi in una sparatoria a Rot am See, in Germania. I sei appartenevano alla stessa famiglia. Due delle sei vittime erano i genitori del 26enne fermato dopo i fatti. Il giovane aveva una licenza per l’arma semiautomatica che aveva con sé. Oltre ad aver ucciso 6 persone ne ha ferite gravemente altre due, una delle quali ha riportato ferite per le quali rischia ancora la vita. La polizia ha trovato le vittime e i due feriti davanti all’interno dell’edificio in cui si è consumata la sparatoria, la Gasthaus ‘Deutscher Kaiser’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Africa, “invasione di milioni di locuste. Divorano il cibo, agricoltori hanno perso tutto”

next
Articolo Successivo

Egitto, l’attivista aggredito dai servizi: “Pestato e umiliato per strada. Non ho fatto la fine di Regeni perché regime teme nuovo scandalo”

next