Drin.

Famiglia Salvini: “Chi è?”
“Casa Salvini?”.
FS: “Sì, ma chi è?”.
“Scusi, sono un cittadino italiano”.
FS: “Papà, lo so che sei tu che fai uno dei tuoi soliti scherzi al citofono. Ma questa è casa tua, non siamo mica i soliti tunisini spacciatori”.
“No, siamo dei cittadini, volevamo parlare con il senatore”.
FS: “Ha sbagliato indirizzo”.
“No, suo padre è senatore”.
FS: “Ah sì?”.
“Pare di sì”.
FS: “Mi spiace, non c’è”, si volta e sussurra a qualcuno vicino a lui, “per fortuna”.
“Mi scusi, il signor Salvini a Palazzo Madama?”.
FS: “Palazzo Madama? Cos’è, il nuovo locale di Riccione?”.
“No, il Senato”.
FS: “E perché dovrebbe andarci?”.
“Magari perché è pagato… mica poco… per fare il senatore e invece spicca per le sue assenze…”.
FS: “Ah sì, ora mi ricordo… papà mi ha detto che lì c’è un buon ristorante”.
“Il signor Salvini dovrebbe andarci e invece… invece… è sempre in campagna elettorale”.
FS: “Campagna elettorale? A me risulta che oggi sia in una fabbrica di culatello in Emilia”.
“Non era una fabbrica di coppa?”.
FS: “La coppa ieri, ne ha portato qui un po’, sapesse che buona…”.
“Mi perdoni… volevamo fargli una domanda semplice semplice”.
FS: “Mi dica”.
“Ieri suo padre ha suonato a una famiglia tunisina… a Bologna“.
FS: “Sì, erano spacciatori”.
“Chi lo dice?”.
FS: “Dicono che lì ci abitano spacciatori. Deve essere vero”.
“Ecco, qui invece si dice che qui abita il segretario di un partito che si è tenuto 49 milioni di euro dello Stato. Quindi dei cittadini. Cioè nostri”.
FS: “Vostri?”.
“Di tutti i cittadini”.
FS: “Ma non si può mica suonare alla porta di un poveraccio solo perché vuoi indietro 49 milioni“.
“A un tizio del Pilastro di Bologna invece sì?”
FS: “Ma erano tunisini. E comunque… guardi, qui abbiamo soltanto un sacco di Nutella“.
“Vabbè, ci sa dire dove possiamo trovare suo padre?”.
FS: “Oggi… mi faccia consultare l’agenda… sì, oggi tocca al culatello, domani al lardo. Poi deve passare dalla Calabria“.
“Un altro comizio”.
FS: “No, deve prendere la ‘nduja, me l’ha promessa”.
“Ma non doveva digiunare?”.
FS: “Ah ah ah”.
“Allora andiamo a trovarlo nella fabbrica di culatello, ci scusi”.
FS: “Niente. Ma se lo vede gli potrebbe dire una cosa?”.
“Mi dica”.
FS: “Gli dica che hanno chiamato per comunicare i risultati”.
“I sondaggi dell’Emilia?”.
FS: “No, i valori del colesterolo: siamo a trecento”.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’Italia non è il Paese migliore per crescere bambini. E di questo passo in pochi ci abiteranno

next
Articolo Successivo

Corruzione, migliora l’indice di percezione per l’Italia. Transparency: “Speravamo di più. Non regolamentati lobbying e conflitti di interessi”

next