Sit-in di protesta di Eleonora Evi ed altri europarlamentari del Movimento 5 stelle, a cui si sono uniti colleghi dei socialisti e dei Verdi, contro una mostra sull’industria delle pellicce, che si tiene al Parlamento europeo. Ieri, con una lettera, Evi aveva esortato: “Date le preoccupazioni per il benessere animale, non dovrebbe essere concessa tale visibilità all’industria delle pellicce, e l’Eurocamera non dovrebbe prestarsi. Nonostante la sua azione di lobby e propaganda, l’industria delle pellicce resta infatti incompatibile con gli standard base del benessere animale e continua a provocare sofferenze inutili agli animali”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez