Sit-in di protesta di Eleonora Evi ed altri europarlamentari del Movimento 5 stelle, a cui si sono uniti colleghi dei socialisti e dei Verdi, contro una mostra sull’industria delle pellicce, che si tiene al Parlamento europeo. Ieri, con una lettera, Evi aveva esortato: “Date le preoccupazioni per il benessere animale, non dovrebbe essere concessa tale visibilità all’industria delle pellicce, e l’Eurocamera non dovrebbe prestarsi. Nonostante la sua azione di lobby e propaganda, l’industria delle pellicce resta infatti incompatibile con gli standard base del benessere animale e continua a provocare sofferenze inutili agli animali”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili