Gianluca Moscarella non arbitrerà mai più una partita di tennis del circuito professionistico. Il 46enne giudice di sedia italiano, si legge nella nota della Federtennis, è stato infatti definitivamente allontanato dall’Atp (l’associazione dei giocatori) a causa dei comportamenti tenuti lo scorso settembre al Challenger di Firenze. Durante il match di secondo turno tra Pedro Sousa ed Enrico Della Valle da lui arbitrato, Moscarella si era rivolto a una giovanissima raccattapalle infastidendola con commenti molesti come “sei fantastica, sei molto sexy“. oppure “fa molto caldo? Sei calda? Fisicamente o emotivamente? Tutte e due, non gliela fai più, eh”. Commenti documentati da immagini e audio di alcuni video.

Moscarella, che proprio lo scorso anno era diventato Employ, impiegato dall’Atp come Full Time Official, era stato subito sospeso in attesa della decisione sul caso, ora arrivata con l’esclusione a tempo indeterminato dai quadri degli arbitri professionisti Atp. Oltre ai commenti molesti rivolti alla raccattapalle, l’ormai ex giudice di sedia si era reso protagonista nello stesso match di un altro grave episodio: alla fine del primo set, quando l’italiano Della Valle si era allontanato dal campo per un toilet-break, Moscarella si era lasciato andare a frasi di incoraggiamento e supporto nei confronti del suo rivale, il tennista portoghese Sousa, in un misto di italiano e spagnolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili