Presto anche Amazon sbarcherà nella nicchia di mercato degli occhiali smart, inaugurata anni fa dagli sfortunati Google Glasses ma che ora sembrano star riscuotendo un nuovo interesse. Il colosso di Seattle infatti avrebbe recentemente iniziato a inviare ad alcuni clienti selezionati l’invito per l’acquisto dei suoi imminenti Echo Frames, smart glasses il cui punto di forza maggiore sembra essere l’integrazione dell’assistente digitale.

Per acquistarli gli tenti dovranno recarsi alla pagina ufficiale del dispositivo, procedendo poi come per i normali acquisti. Bisogna però affrettarsi perché, come ricorda la stessa Amazon nell’invito, quest’ultimo scadrà dopo sette giorni dall’invio. Per tutto il periodo di pre-release gli occhiali avranno un prezzo di 179,99 dollari, che salirà poi a 250 una volta che siano disponibili alla vendita. Chi li acquisterà infine svolgerà un po’ le funzioni di beta tester. Amazon infatti chiederà agli utenti di fornire feedback, contribuendo così al loro sviluppo.

Ma cos’hanno di particolare questi occhiali? Curati nel design e quasi indistinguibili da normali occhiali da vista, offrono supporto non solo ad Amazon Alexa ma anche a Google Assistant (inizialmente infatti saranno compatibili solo con dispositivi Android) e potranno essere d’aiuto nello svolgimento di molti task quotidiani tramite comandi vocali, senza necessità di usare le mani.

Tra le altre cose ad esempio potranno impostare promemoria, aggiungere elementi alle proprie liste, controllare tutte le funzioni smart della propria casa come illuminazione e riscaldamento, ma anche effettuare o ricevere chiamate e ascoltare la propria musica o i propri podcast preferiti. Gli occhiali infatti integrano microfono e speaker e sono costruiti in modo tale da indirizzare l’audio esclusivamente verso l’orecchio di chi li indossa, così da salvaguardare la privacy.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Apple sostituirà gratuitamente gli Smart Battery Case malfunzionanti degli iPhone Xs, Xs Max e Xr

next
Articolo Successivo

Arlo Pro 2, sistema di videosorveglianza Wi-Fi per interni ed esterni, scontato del 48% su Amazon

next