Volano piatti – letteralmente – nel punto vendita Ikea di Anagnina, a Roma. Domenica, verso l’ora di pranzo, è scoppiata una lite nel ristorante della multinazionale svedese di arredamento tra un anziano e un uomo di mezza età. coinvolta anche una bambina di 11 anni, ferita da una scheggia di un piatto scagliato per terra.

Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, la discussione tra i due è iniziata per una banale questione di precedenza durante la fila al self service, come ogni domenica molto frequentato, ed è proseguita per diversi minuti. Un primo intervento della sicurezza ha impedito che dagli insulti si passasse alle mani e ha riportato la calma. Ma solo per pochi minuti: la lite infatti è poi ricominciata alle casse del ristorante dove i due si sono ritrovati e la moglie dell’uomo più anziano ha lanciato un piatto verso il “rivale”.

Il piatto, però, ha mancato il suo obiettivo finendo a terra in mille pezzi: le schegge hanno colpito le persone in fila alle casse, tra cui appunto la bambina di 11 anni, ferita alla caviglia. La piccola è scoppiata a piangere ed è stata subito soccorsa e medicata alla caviglia dagli addetti dell’Ikea, mentre la sicurezza è intervenuta nuovamente per sedere la lite. A questo punto la direzione ha richiesto anche l’intervento dei carabinieri della compagnia di Ciampino che, una volta sul posto, hanno preso le generalità dei protagonisti della lite.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Joseph Ratzinger: “Il celibato dei sacerdoti è indispensabile, ha grande significato. Non posso tacere”

next
Articolo Successivo

Liliana Segre, la senatrice in Consiglio comunale a Milano lancia un appello ai giovani: “La paura fa fare cose vergognose. Voi fate la scelta”

next