La Nasa stupita da uno stagista: un ragazzo di 17 anni, Wolf Cukier, ha scoperto un nuovo pianeta in orbita attorno a due stelle. Lo ha confermato la Nasa sul suo sito, dove racconta che la scoperta è avvenuta nel luglio 2019: Wolf aveva appena terminato l’ultimo anno alla Scarsdale High School di New York e aveva iniziato da meno di una settimana uno stage al Centro spaziale Goddard della Nasa. “Erano passati solo tre giorni e stavo studiando i dati raccolti su un sistema formato da due stelle che si eclissavano a vicenda, ruotando l’una intorno all’altra – ha detto il giovane scienziato – Pensavo che le eclissi fossero dovute alle stelle, ma i tempi non corrispondevano e così ho pensato a un pianeta“.

E ha avuto ragione: il pianeta è stato battezzato è stato battezzato ‘TOI 1338 b‘, acronimo di TESS Object of Interest , Oggetto d’Interesse osservato con il telescopio TESS, entrato lo scorso anno nella strumentazione dell’Agenzia per la ricerca di pianeti fuori dal sistema solare. Il pianeta è circa 6,9 volte più grande della Terra e si trova a più di 1.300 anni luce di distanza dal Sistema Solare, nella costellazione Pittore: la scoperta è stata presentata al 235esimo convegno della Società Astronomica Americana delle Hawaii. “È stato fantastico”, è il commento a caldo del giovane scienziato, che ha anche co-firmato il paper inviato alle riviste scientifiche. La storia di Cukier è un esempio della cosiddetta ‘citizen science‘, cioè la scienza studiata da comuni cittadini che mettono a disposizione della ricerca il proprio tempo e le risorse dei propri computer, aiutando gli scienziati ad analizzare grandi quantità di dati raccolti dagli esperimenti, in questo caso dal cacciatore di nuovi mondi Tess.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cina, primo morto da nuova polmonite virale. 41 persone infette, 7 gravi: molte lavoravano in un mercato di pesce e selvaggina

next
Articolo Successivo

Scoperta polvere di stelle più antica del nostro Sistema solare: era racchiusa in un meteorite

next