Anche alla luce dei colloqui di ieri con Merkel e Putin “confidiamo che si tenga al più presto la conferenza” di Berlino sulla Libia “in modo da poter indirizzare le tensioni verso un processo politico“. A dirlo, in conferenza stampa ad Ankara col presidente turco Erdogan, il capo del governo italiano Giuseppe Conte. Che ha aggiunto: “Mi permetto di rivolgere un appello ai libici: se vogliono aprirsi alla vita democratica troveranno sempre nell’Italia un alleato prezioso, perché l’Italia sostiene un processo politico e non mira certo a ingerenze o interferenze che possano condizionare uno scenario futuro di piena autonomia e stabilità”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, Conte vede Erdogan ad Ankara: “Favorevoli alle forze d’interposizione Onu. Comunità internazionale preservi la tregua”

next
Articolo Successivo

Ratzinger entra in guerra contro Bergoglio. Uno scontro che sa di ricatto

next