Anche alla luce dei colloqui di ieri con Merkel e Putin “confidiamo che si tenga al più presto la conferenza” di Berlino sulla Libia “in modo da poter indirizzare le tensioni verso un processo politico“. A dirlo, in conferenza stampa ad Ankara col presidente turco Erdogan, il capo del governo italiano Giuseppe Conte. Che ha aggiunto: “Mi permetto di rivolgere un appello ai libici: se vogliono aprirsi alla vita democratica troveranno sempre nell’Italia un alleato prezioso, perché l’Italia sostiene un processo politico e non mira certo a ingerenze o interferenze che possano condizionare uno scenario futuro di piena autonomia e stabilità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, Conte vede Erdogan ad Ankara: “Favorevoli alle forze d’interposizione Onu. Comunità internazionale preservi la tregua”

next
Articolo Successivo

Ratzinger entra in guerra contro Bergoglio. Uno scontro che sa di ricatto

next