Se il movimento delle Sardine si presentasse alle elezioni potrebbe diventare il quarto partito, con oltre l’11% dei voti. Almeno questo è quello che stima un sondaggio di Monitor Italia, realizzato in collaborazione fra Agenzia Dire e Istituto Tecnè. Le Sardine sottrarrebbero voti soprattutto al Partito democratico (che perderebbe il 4,4%, passando dall’attuale 19,3% al 14,9%) e al Movimento Cinque Stelle (che scenderebbe del 3,4%, dal 15,4 al 12). La Lega rimarrebbe primo partito, e anche Pd e M5S manterrebbero le loro posizioni.

Le conseguenze di una discesa in campo del movimento guidato da Mattia Santori sarebbero quasi nulle per i partiti di centrodestra: la Lega perderebbe lo 0,2%, mentre Fratelli d’Italia e Forza Italia lo 0,1%. Nel centrosinistra sarebbe più sensibile il calo per Italia Viva (-0,3%) ma specialmente per Verdi-Sinistra (-1,6%). Di fatto, le Sardine alle elezioni sottrarrebbero il 9,1% del consenso alle forze di centrosinistra e solo lo 0,4% ai partiti di centrodestra.

Secondo il sondaggio Dire-Tecnè, la maggior parte dei voti al movimento delle Sardine (62%) arriverebbe dai due maggiori partiti che formano il governo, Partito Democratico (35% del proprio bacino elettorale) e Movimento Cinque Stelle (il 27% dei voti attuali). Relativamente bassa (20%) la quota di astenuti e incerti che sarebbero attratti da una lista del movimento nato a Bologna. Un altro 15% arriverebbe complessivamente da Italia Viva, Azione, +Europa, Verdi, Sinistra.

Lasciando da parte ipotesi politiche futuribili, secondo il sondaggio di Tecnè per la Dire sono Movimento Cinque Stelle e Lega le forze che hanno perso più consenso durante le festività natalizie. Il partito di Salvini dal 20 dicembre al 10 gennaio ha ceduto lo 0,5%, restando comunque primo partito al 31,9. Nel centrodestra registrano incrementi Fratelli d’Italia (+0,2%), quarto partito col 10,6%, e Forza Italia, che sale all’8,1% grazie al +0,4%. In questo modo ciò che perde il Carroccio viene riassorbito dalle altre forze della coalizione. Tra i partiti di maggioranza il Pd si conferma secondo partito (19,3%) guadagnando lo 0,2%. Ad aumentare i consensi è la Sinistra, con un +0,3%. L’M5s prosegue la sua discesa perdendo lo 0,6% e attestandosi al 15,4. Italia Viva (3,9%) e Azione (2,1%) non crescono e perdono entrambi 0,1%.

Per quanto riguarda il consenso al governo, la rilevazione pubblicata dalla Dire mostra che quasi sette italiani su dieci (69,2%) non hanno fiducia nell’attuale esecutivo, in crescita durante le vacanze di Natale. Ha piena fiducia invece il 26,5%. Gli italiani hanno le idee sempre più chiare sul governo giallorosso (ma apparentemente non in positivo): mentre a novembre era senza opinione il 9,6% degli intervistati, oggi solo il 4,3 non si esprime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ministero dell’Interno, i risparmi dall’addio di Salvini: lo staff di Lamorgese costa 500mila euro in meno di quello extra-large del leghista

next
Articolo Successivo

Referendum contro il taglio parlamentari, Pagano (FI): “Consegnate le firme, tutto è andato in maniera regolare”

next