Il passaggio di testimone tra Matteo Salvini e Luciana Lamorgese negli uffici del Viminale ha comportato un risparmio di circa 500mila euro all’anno per il ministero dell’Interno. A tanto ammonta infatti la differenza degli stipendi tra i collaboratori della ministra del governo Conte 2 e il leader leghista.

Il senso dell’approccio soft nella comunicazione di Lamorgese è ancora più evidente se si compara il numero dei componenti dello staff tra i due: Lamorgese ha una collaboratrice e un addetto stampa, Salvini aveva inzeppato le stanze del ministero di persone. Venti in tutto: 7 per le sue funzioni di vicepresidente del Consiglio e 14 all’Interno, comprese le 6 persone della “Bestia”, che si occupavano della comunicazione.

Come ricostruito dal sito de L’Espresso, la differenza dei compensi ammonta a 560mila euro in totale. I calcoli sono presto fatti: l’addetto stampa di Lamorgese, Dino Martirano, ex giornalista del Corriere della Sera, è stato assunto con un contratto da 120mila euro annui, la storica collaboratrice del Viminale Cristina Pascale è rimasta al suo posto con un compenso di 32mila euro, duemila in più di quanto percepiva.

Quando Salvini era ministro dell’Interno aveva portato al Viminale 14 persone, più 7 negli uffici della Presidenza del Consiglio. La squadra del leader leghista come ministro comprendeva Stefano Beltrame (95mila euro), Gianandrea Giani (65mila), Giuseppe Benvenuto, Luigi Peruzzotti e Andrea Pasini con un compenso di 41mila euro. Oltre alla Pascale (30mila) e a Gennaro Terraciano, che ha svolto le sue mansioni a titolo gratuito. A loro bisogna aggiungere i professionisti della comunicazione retribuiti con fondi ministeriali: Luca Morisi (65mila euro all’anno) e Andrea Paganella (85mila).

E i collaboratori dell’ufficio stampa del ministero: Leonardo Foa, figlio del presidente della Rai Marcello, Daniele Bertana, Fabio Visconti e Andrea Zanelli. Tutti avevano firmato un contratto da 41mila euro per ogni anno. Negli uffici della Presidenza del Consiglio hanno lavorato invece Susanna Ceccardi (65mila euro, poi eletta a Bruxelles), Alessandro Amadori (65mila), Lorenzo Bernasconi (100mila euro), Claudio D’Amico (65mila), Iva Garibaldi (120mila euro), Massimo Villa (65mila) e Paolo Visca, con un compenso di 35mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Musulmani, la prima lista civica nascerà a Magenta. “Aperti a tutte le fedi. Priorità alla costruzione della moschea”. Negata da anni

next
Articolo Successivo

Sondaggio Tecnè-Dire, se le Sardine si presentassero alle elezioni prenderebbero l’11,4%: toglierebbero consenso a Pd e M5s

next