Bagarre a L’Aria che Tira (La7) sulla riforma della prescrizione tra i giornalisti Gianni Barbacetto e Gianni Riotta. Quest’ultimo stigmatizza lo stop alla prescrizione: “Ci sono due diverse civiltà giuridiche: l’una che considera condannato un imputato e l’altra è quella sancita dalla nostra Costituzione, e cioè che sei innocente finché non è stato dimostrato il contrario. Sono due civiltà giuridiche: una è orribile e l’altra democratica“.
Ma che c’entra con la prescrizione?” – chiede il giornalista de Il Fatto Quotidiano – “Non è così”.

“Sento un mormorio – replica Riotta – Ecco, ci sono persone che non hanno questa civiltà di tolleranza e di ascolto. Sono proprio due diverse civiltà politico-culturali”.
“Vabbè, ma Barbacetto non è civile, quindi non è un problema”, commenta l’ex ministro democristiano Paolo Cirino Pomicino.
“Grande – ironizza Barbacetto – Grazie, Cirino“.
La conduttrice Myrta Merlino cerca di sedare gli animi e invita Riotta a continuare il suo intervento. Quando, però, Barbacetto esprime il suo nuovo dissenso dalle parole del giornalista, quest’ultimo urla a squarciagola: “Shut up! Io vado via adesso! Shut up!“.
Barbacetto scoppia a ridere e ribatte: “Fai ridere“.

“Non parlare mentre parlo io, è chiaro?”, intima Riotta, che minaccia di lasciare lo studio e rimprovera la conduttrice per non essere in grado di garantire la prosecuzione del suo intervento.
E aggiunge: “C’è un vecchio motto che dice ‘risus abundat in ore stultorum’. Lui è la dimostrazione di come questo detto latino sia perfetto. Se volete lo traduco: il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi“.
“Bravo, bravo – risponde Barbacetto – Studia prima di parlare. Parla di cose che capisci“.
“Io non ho mai interrotto nessuno – si lamenta nuovamente Riotta, rivolgendosi a Myrta Merlino – Io tra un secondo me ne vado”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilia Romagna, giovane leghista: “Voto Salvini. Chi è il nostro candidato? Bonacci… ah, no, Bergonzoni. Non l’ho mai vista”

next
Articolo Successivo

M5s, Travaglio a La7: “Conte alla guida? Non è la persona adatta. Se Di Maio lascia, vertice collegiale o nuovo capo politico”

next