“Qualcuno era convinto del referendum, adesso a quanto pare non è più convinto”, così Lucio Malan senatore di Forza Italia, tra i firmatari per il referendum sul taglio dei parlamentari, commenta la notizia del passo indietro di alcuni colleghi, tra cui l’azzurro Massimo Mallegni, insieme ad altri esponenti vicini a Mara Carfagna. “Certo è che otto persone, da quello che si legge, che ritirano la firma nello stesso giorno, non è una coincidenza”, continua Malan, sottolineando che però “c’è ancora qualche giorno di tempo” prima dello stop al referendum. “Paura che il governo traballi? Tutti quelli che hanno fatto i calcoli dicendo che il referendum o allunga o accorcia la vita alla legislatura… alla fine uno deve firmare se è convinto. Non firmare se è convinto che questa riforma sia fatta solo per portare voti al Movimento 5 stelle”, conclude il senatore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Autostrade, passo indietro di De Micheli: “Mai valutata l’ipotesi di una maxi-multa”. Aveva parlato di “risarcimento insufficiente”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Pd e M5s inaugurano il Germanicum: proporzionale con soglia al 5%. Fdi e Salvini: “Per inciuci e ribaltoni”

next