“Chi vuole veramente il taglio dei parlamentari, tolga la firma dal referendum”. Così il senatore di FI Massimo Mallegni spiega la sua decisione “irrevocabile” di ritirare la firma per la richiesta di referendum sul taglio dei parlamentari. “Sennò si fa il gioco di chi vuole allungare il ‘brodo – aggiunge – visto che durante il referendum non si possono sciogliere le Camere“. E continua: “Io ho votato a favore di una norma e ho votato perché ci fosse il referendum confermativo, non abrogativo, su quella riforma. Ma quando ho capito che era nell’aria qualcosa che non mi sta bene, ho deciso diversamente. Noi vogliamo votare immediatamente”. Perciò conclude: “Dal mio punto di vista, il 12 gennaio scade il termine per il deposito delle firme e il 13 si va a votare, quindi con meno parlamentari perché io voglio mandarlo a casa questo governo. Non faccio nessun favore né a M5s né alla sinistra

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Magistris su De Luca: “Dopo 5 anni, suo bilancio su sanità è assolutamente fallimentare”. E su prescrizione: “Riforma necessaria”

next
Articolo Successivo

Autostrade, passo indietro di De Micheli: “Mai valutata l’ipotesi di una maxi-multa”. Aveva parlato di “risarcimento insufficiente”

next