La Befana ai bambini di Trappeto, nel Palermitano, patria di Danilo Dolci, ha portato calze nere con la scritta “Forza Nuova”. Un’iniziativa che ha sollevato le critiche di parecchi cittadini, associazioni, sindacati e personaggi politici soprattutto per la presenza del sindaco Santo Cosentino alla manifestazione promossa dal partito di estrema destra. A denunciare per primo i fatti è stato il quotidiano on line Il Tarlo che da giorni segue la vicenda. Sul caso è intervenuto anche il deputato del Partito Democratico Carmelo Miceli che ha annunciato dalla sua pagina Facebook un’interrogazione parlamentare sul caso: “A Trappeto, in provincia di Palermo, Forza Nuova ha avuto il coraggio di donare ai bambini 100 calze nere, con la scritta ‘Forza Nuova’, piene di dolci. Il tutto alla presenza del sindaco e del vicesindaco. Non c’è nulla di più indecente di strumentalizzare la festa della Befana per fare apologia neo fascista con i minorenni. Una vergogna assoluta. Presenterò un’interrogazione parlamentare per far luce su questa squallida vicenda e sull’indecoroso e connivente atteggiamento dell’amministrazione locale!”.

A buttare acqua sul fuoco è invece il primo cittadino: “Si tratta di un gruppo di giovani che al di là dell’appartenenza politica fa azioni positive come la pulizia dei giardini, delle strade. Noi apprezziamo queste azioni di utilità sociale. Nel momento in cui hanno organizzato questa giornata dedicata ai bambini ci hanno invitato a partecipare. Abbiamo voluto essere presenti come forma di riconoscenza. Non siamo i promotori dell’iniziativa: abbiamo trovato anche noi le calze di colore nero con la scritta “Forza Nuova” e siamo rimasti spiazzati. Non ci siamo messi a distribuire le calze ai bambini ma eravamo lì solo per rispetto ai più piccoli. Non condividiamo le ideologie di Forza Nuova, siamo operatori della pace e del dialogo ben lontani da qualsiasi ideologia fascista. La vicenda è stata strumentalizzata ma non c’è alcun sostegno a questo movimento nella maniera più assoluta. Qualcuno vuol fare apparire che noi abbiamo partecipato ad un’iniziativa di Forza Nuova per fare propaganda politica ma non è così. Mai e poi mai avremmo pensato che ci fossero delle calze nere”.

La Cgil intanto ha chiesto le dimissioni del sindaco: “Fa davvero preoccupare che gli inconsapevoli bambini abbiano trovato il fascismo nella calza, per l’occasione nera giacché il buongusto non alloggia nell’estrema destra, della Befana 2020. Non ci stupisce che i neofascisti, in una operazione di maldestro maquillage, si travestano da brave persone. Davvero allarmante è invece la presenza – scrive in un comunicato il sindacato – all’iniziativa di Forza Nuova del sindaco e della vice sindaca del Comune di Trappeto, paese di Danilo Dolci, al quale peraltro è stato pure dedicato un murales che lo raffigura sul lungomare del paese. Condanniamo fortemente la connivenza del primo cittadino con le forze fasciste, confidiamo nella parte sana, che sappiamo esserci, dei cittadini, delle associazioni e dei movimenti civici del comune del palermitano, per promuovere ogni iniziativa utile alla richiesta di dimissioni del Sindaco”. Pronta la risposta di Cosentino: “Mi sembra un’esagerazione. Mi dimetterei se si trattasse di argomentazioni più gravi. Non siamo stati né promotori né sostenitori di questa iniziativa. Siamo stati lì in buona fede perché l’evento era indirizzato ai bambini. Non condividiamo l’idea della calza nera era meglio se fosse stata di un altro colore senza simboli politici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Custodero, la famiglia del 25enne che ha scelto la sedazione: “Guerriero sorridente. Ora riposa tranquillo, voi tifate per lui”

next
Articolo Successivo

Latina, a Itri almeno mille abitazioni ricevono acqua attraverso reti idriche abusive: “Le autorizzazioni le ha rilasciate il Comune”

next