Hanno messo a segno nel gennaio 2019 tre rapine sequestrando le vittime e tentando di costringerle ad “arruolarsi” nel gruppo per altri colpi. “Ora venite a scavallare con noi, altrimenti vi beccate il ferro”, minacciavano. La polizia di Milano ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare con collocamento in comunità per due 17enni, uno italiano e uno di origini cinesi, e un 18enne egiziano. Il loro modus operandi era sempre lo stesso: avvicinavano un minore fingendo cordialità, gli mettevano un braccio attorno al collo e lo “sequestravano” per pochi minuti, il tempo necessario per portargli via soldi, cellulari e cuffie. Il primo colpo è avvenuto in via Rembrandt ai danni di due ragazzini, poi hanno bloccato due vittime in via Osoppo e infine un altro minore in via Senofonte: “In un caso – spiegano gli agenti – hanno tentato di coinvolgere le vittime nel furto di un motorino. Invece in tutti i casi hanno cercato di convincere i ragazzini di turno a unirsi a loro”.

L’inchiesta, condotta dagli agenti del Commissariato Porta Genova, è scattata dopo la denuncia da parte di alcune vittime e genitori. La polizia è riuscita a risalire all’identità dei giovani consultando i tabulati dei telefoni delle vittime rapinate e passando in rassegna i video delle telecamere di videosorveglianza. Dalle indagini è emerso anche che i tre, conosciuti nell’oratorio di Villapizzone, hanno avuto contatti con un’altra banda di minori, i 12 componenti sono stati arrestati dai carabinieri. Da parte dei tre, dunque, non c’era solo una “spiccata attitudine all’associazionismo criminoso interno nell’individuare e sequestrare le vittime ma risultava anche una specie di rappresentanza imprenditoriale con altre realtà analoghe. Un giro legato probabilmente a frequentazioni scolastiche ed extra scolastiche”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Matera, uomo di 91 anni trovato morto in casa. La polizia: “È stato ucciso a coltellate”

next
Articolo Successivo

Genova, auto si capovolge e due persone muoiono carbonizzate. Un terzo uomo ferito

next