E’ arrivato in prolungato arresto cardiaco all’ospedale San Carlo di Milano e i medici non sono riusciti a rianimarlo. E’ morto così, martedì pomeriggio, un ragazzo disabile di 32 anni che ha accusato un malore mentre nuotava nella piscina comunale nel quartiere di Quarto Cagnino, nella periferia ovest di Milano. Il giovane, con disabilità motoria e ritardo mentale, era affetto dalla rara sindrome Cornelia de Lange.

Era in compagnia di un gruppo di disabili appartenenti a una comunità con cui stava seguendo un corso di nuoto. Secondo la prima ricostruzione, si è allontanato verso la parte più profonda della piscina e ha iniziato a bere. Il bagnino lo ha soccorso praticamente subito ma, una volta fuori dall’acqua, era già in arresto.

Sarà deciso nelle prossime ore se disporre o meno l’autopsia. Secondo quanto riferito da fonti ospedaliere, il giovane non avrebbe parenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Catania, 90enne prende a bastonate la moglie 79enne. Morta in ospedale dopo due giorni

next
Articolo Successivo

Valle d’Aosta, maestro di sci rimane agganciato all’elicottero e precipita da 400 metri di altezza

next