Come al solito, il problema è il petrolio. A prima vista non sembrerebbe che ci siano grossi rischi per l’Italia: non stiamo importando petrolio dall’Iran e, nonostante tutto il rumore degli ultimi giorni, il prezzo del petrolio rimane per ora entro limiti sopportabili, non oltre i 70 dollari al barile.

Però, ovviamente, non è solo questione dell’Iran. Nell’ipotesi peggiore, se scoppia una guerra in Medio Oriente entrano di mezzo alcuni dei principali fornitori di petrolio mondiali, incluso Iraq e Arabia Saudita. Se poi ci si ricorda che l’Iran è in grado di bloccare lo stretto di Hormuz al trasporto navale, allora è tutto il sistema che va in crisi: dallo stretto passa oltre il 20% di tutta la produzione mondiale di petrolio. Come minimo, ritorniamo sopra 100 dollari al barile, come era successo nel 2008. E questo fa enormi danni a un’economia che dipende dal petrolio, come quella italiana.

E qui siamo alla vecchia storia dei vasi di coccio e dei vasi di ferro. Comunque si voglia vedere l’azione di Donald Trump, lui sa di potersi permettere il rischio di una guerra. Negli ultimi 15 anni, gli Stati Uniti si sono ricostruiti una capacità produttiva petrolifera investendo enormi risorse nel “petrolio di scisto”, non tanto perché era conveniente dal punto di vista economico, ma con l’idea di usarlo come arma strategica. Come tale, sta funzionando benissimo. Non che gli Usa siano veramente indipendenti in termini energetici: tuttora importano più petrolio di quanto non ne esportino. Ma la differenza è piccola e, anche in caso di una crisi di fornitura petrolifera, la loro economia non rischia di andare a gambe all’aria.

Ma i vasi di coccio? Ovvero l’Italia e altri paesi europei? Certo, non è che l’Italia abbia ambizioni imperiali come gli Usa (ci aveva già provato Mussolini a ricostruire l’Impero Romano, ai suoi tempi, ma non era stata una buona idea). Si tratta però quantomeno di cercare di sopravvivere e, se si va a una guerra, le cose si mettono male per noi.

La nostra economia non potrebbe funzionare senza petrolio o con il petrolio a oltre 100 dollari al barile. La produzione italiana di petrolio non ci aiuta molto: ha raggiunto il suo picco negli anni ‘80 e da allora non è più aumentata. Oggi, produciamo meno di 100mila barili al giorno, ma ne consumiamo oltre un milione e quindi dipendiamo dalle importazioni. Per fortuna, anche i consumi sono in declino, qualcosa di buono è stato fatto in termini di energia rinnovabile e efficienza energetica, ma non abbastanza.

Ci sono amministrazioni in Italia che con grande fanfara hanno dichiarato la “emergenza climatica”. Bravi, ma se uno dichiara un’emergenza dovrebbe anche far qualcosa in proposito. E non solo non stanno facendo nulla per il clima, ma nemmeno per le altre emergenze che dobbiamo affrontare in questo pianeta sovrasfruttato, sovrappopolato e governato da pazzi furiosi. C’è un’emergenza energetica, un’emergenza di gestione rifiuti, un’emergenza del collasso delle infrastrutture, un’emergenza del degrado del territorio, un’emergenza di microplastiche, di microparticelle, di metalli pesanti e molto altro ancora.

Quella che ora ci potrebbe arrivare addosso pesantemente con la crisi in Iran è l’emergenza energetica, con il rischio di fare enormi danni all’economia italiana. Avremmo dovuto pensarci prima e costruirci una capacità di resistenza strategica. Ovviamente, qui in Italia non abbiamo scisti petroliferi come ci sono negli Usa, e anche se li avessimo sarebbero solo un cerotto temporaneo. Però abbiamo risorse energetiche in abbondanza in termini di energia solare, con l’aggiunta dell’energia geotermica, idroelettrica e eolica, per non parlare poi della possibilità di un efficientamento energetico generalizzato e dell’elettrificazione del trasporto su strada.

Se avessimo investito di più su queste risorse, potremmo gestirci meglio una nuova crisi petrolifera. Senza contare che questo investimento ci avrebbe aiutato anche ad affrontare le altre emergenze, in particolare quella climatica. Siamo ancora in tempo a cambiare rotta e investire su risorse energetiche non soggette a crisi politiche internazionali? Sarebbe stato meglio cominciare prima ma, come si suol dire, “meglio tardi che mai.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Clima, allarme smog e auto ferme nelle città del Nord. Torino vieta la circolazione anche ai diesel euro 5

next
Articolo Successivo

Australia, il Wwf: “Si stima un miliardo di animali uccisi dal fuoco”. Il fumo degli incendi visibile fino in Cile e in Argentina

next